LEGGI E POLITICA

Incendio Bologna: occorre assicurare sicurezza stradale utenti e sul lavoro dei camionisti

7 agosto 2018

Sul gravissimo incidente avvenuto ieri nel tratto autostradale che attraversa Borgo Panigale, a Bologna, alcuni rappresentanti delle organizzazioni di categoria, oltre a esprimere vicinanza e solidarietà alle famiglie delle persone coinvolte, hanno rilasciato dichiarazioni.

Claudio Donati, segretario generale di Assotir, ha commentato: “Sul merito della dinamica dell’incidente attendiamo l’esito delle indagini che sono in corso; quello che invece, certamente, possiamo affermare è che la sicurezza è un valore assoluto che richiama tutti al massimo delle responsabilità. Per quello che ci riguarda, come Associazione, cogliamo anche questa tragica occasione per ribadire che la sicurezza non può essere considerata in nessun caso materia di negoziazione commerciale”.

PaoloUggè, vicepresidente di Conftrasporto ha affermato in una nota: “Trasmetto un invito deciso alle autorità competenti perché verifichino se quel trasporto veniva effettuato nel rispetto della sicurezza stradale e delle norme sulla circolazione; quello avvenuto oggi (ieri ndr) potrebbe essere un incidente sul lavoro”

Patrizio Ricci, presidente nazionale di CNA Fita, in una intervista a un quotidiano locale ha appoggiato la proposta di far viaggiare i mezzi di notte nelle fasce orarie con minore intensità di traffico ma ricorda che: “I veicoli industriali in generale coinvolti negli incidenti non arrivano al 10%. E da questa percentuale si dovrebbe scorporare la sotto-categoria di cui parliamo. Non è una difesa della gomma ma Viareggio insegna. Anche le merci pericolose che viaggiano in treno provocano stragi”. Mentre alla proposta di far circolare questi mezzi lontano dalle città risponde: “Impossibile. Allora dovremmo dire, spostiamo le industrie”.

Parla di casualità Massimo Bagnoli, presidente di Fiap ma non di un problema legato ai controlli “I controlli devono essere fatti sui tir e sulla committenza nella medesima maniera. La responsabilità va ripartita tra autotrasporto e committenza” ma anche di etica sottolineando come sia proprio la committenza a mettere le aziende di autotrasporto “in costante competizione anche con aziende che non avrebbero il diritto di esercitare questo mestiere sul nostro Paese”

“Priorità la sicurezza stradale di tutti i viaggiatori e la sicurezza sul lavoro dei conducenti di mezzi pesanti”. A dichiararlo è la segretaria nazionale della Filt Cgil Giulia Guida, chiedendo “maggiori controlli, sanzioni adeguate e più prevenzione con il coinvolgimento di istituzioni, parti datoriali e sindacali”. Secondo la dirigente nazionale della Filt Cgil “contestualmente bisogna intervenire sul miglioramento delle condizioni di lavoro degli autisti che svolgono un’attività gravosa ed usurante e sul rispetto dei tempi di guida e di riposo, direttamente connessi alla sicurezza di camionisti e degli utenti delle strade. Inoltre - sottolinea Guida - serve dare continuità al progetto 'Connettere l'Italia' che investe sulla cura del ferro per favorire lo spostamento del trasporto delle merci dalle autostrade alla ferrovia, anche in modo compatibile con l’ambiente ed il territorio”.

 

Informazioni sulla circolazione:

Autostrade per l’Italia intanto ha confermato la transitabilità del tratto nella carreggiata opposta a quello crollata, alle ore 09:25 è stato riaperto il Raccordo di Casalecchio in entrambe le direzioni. L’obiettivo di far riprendere il più rapidamente possibile la circolazione è stato raggiunto predisponendo uno scambio di carreggiata, che consente agli utenti provenienti da Firenze di raggiungere la A14 tramite una corsia in deviazione sulla carreggiata opposta.

Riaperto anche il tratto di Tangenziale compreso tra gli svincoli 2 e 3 in direzione dell'A1, tratto che rimane invece chiuso in direzione di dell'A14.

Si ricorda che la deviazione in atto non riguarda coloro che dalla A1 provenendo da Milano sono diretti verso la A14, e viceversa, il cui percorso resta quindi inalterato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home