LEGGI E POLITICA

De Monte invita Toninelli a non essere «europeista a giorni alterni» e a risolvere i problemi del trasporto a Genova

9 ottobre 2018

«Il decreto Genova mette in ginocchio l’autotrasporto italiano. Il ministro Toninelli faccia qualcosa per risolvere il gigante pasticcio che ha combinato, invece di attaccarsi alla gonna della commissaria Bulc e delegare a lei ogni soluzione». Sono le parole forti di Isabella De Monte, eurodeputata Pd e componente della commissione Trasporti a Strasburgo, nel giorno in cui oltre cinquemila persone hanno preso parte al corteo di protesta degli sfollati del Ponte Morandi.

L’eurodeputata poi non fa sconti al ministro dei Trasporti puntualizzando che «il decreto massacra gli autotrasportatori di tutta Italia, tagliando i fondi destinati alle aziende del settore che lavorano con il porto di Genova e che sono costrette ad affrontare maggiori spese dopo il crollo del ponte per percorrere tratti autostradali aggiuntivi e per fronteggiare molteplici difficoltà logistiche – proseguendo poi – I fondi sono stati abbattuti da 180 milioni di euro in tre anni a soli 20 per il 2018. Oltre a questo dovranno essere rispettati i limiti imposti dalle normative europee sugli aiuti de minimis. Il ministro Toninelli ha idea di come funziona l’autotrasporto e di quanti posti di lavoro conta? Se non lo sa, se lo faccia spiegare da qualche funzionario, e in fretta».

«Sottolineo inoltre – prosegue De Monte – il forfait del ministro al Parlamento europeo, dove sarebbe dovuto intervenire il 15 ottobre per illustrare la situazione di Genova e, soprattutto, spiegare come intende coinvolgere l’Europa per sostenere la città e la regione in un momento così difficile. Abbiamo saputo che quell’audizione è stata cancellata: Toninelli aveva forse timore di dover rispondere ai parlamentari europei del suo colossale pasticcio? Registriamo invece che oggi il titolare grillino dei Trasporti si è rivolto alla commissaria europea Bulc con inusitata deferenza: quando bisogna chiedere aiuto senza troppi sforzi Toninelli diventa europeista a giorni alterni, ma si ricordi che l’Ue non è una porta girevole a suo uso e consumo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home