FINANZA E MERCATO

Costi di esercizio. Il MIT aggiorna i valori per le fatturazioni di OTTOBRE

15 ottobre 2018

Il MIT (ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) ha pubblicato sul sito l’aggiornamento mensile della componente gasolio dei valori indicativi di riferimento dei costi di esercizio delle imprese di autotrasporto merci per conto di terzi, al netto dell'Iva e/o dello sconto del maggior onere delle accise, utile per le fatturazioni di questo mese.

Torna a salire il prezzo totale al consumo del gasolio rilevato dal MISE (ministero dello Sviluppo Economico) che in data 11 ottobre, è 1.524,96euro per mille litri, (632,57 euro è il prezzo industriale, 274,99 l’Iva e 617,40 l’accisa), il più alto dell’anno. Il valore di riferimento del costo del gasolio per i servizi di trasporto effettuati in questo mese di OTTOBRE, quindi è di:

– 1,249 euro/litro (al netto dell’I.V.A.), per i veicoli esclusi dal rimborso delle accise sul gasolio (si tratta dei mezzi di massa complessiva a pieno carico fino a 7,5 ton);

– 1,035 euro/litro (al netto dell’I.V.A. e del rimborso delle accise sul gasolio), per i veicoli ammessi alla restituzione delle accise (mezzi di massa complessiva a pieno carico superiore alle 7,5 ton).

In base alla legge di Stabilità 2016 dal 1° gennaio 2016, il credito di imposta relativo all’agevolazione sul gasolio per autotrazione degli autotrasportatori non spetta per i veicoli di categoria Euro 2 o inferiori.

Il valore di riferimento del costo del gasolio per i servizi di trasporto effettuati nel mese di ottobre 2018 è calcolato tenendo conto delle variabili:

per i veicoli fino a 7,5 ton: non si tiene conto degli sconti degli eventuali maggiori oneri delle accise;

per i veicoli di massa complessiva superiore alle 7,5 ton: si deve tener conto anche degli sconti degli eventuali maggiori oneri delle accise

A seguito dei ricorsi avanzati da diverse associazioni della committenza e alla decisione del MIT del giugno scorso, per quanto riguarda le altre voci di costo, riportate nella pagina 1 della tabella a titolo esemplificativo rispetto ai veicoli di massa superiore a 26 ton, il ministero non provvede più a effettuare l'aggiornamento con cadenza annuale, ma fa riferimento unicamente alle fonti (come il CCNL) o a criteri generali, lasciando a ogni imprenditore la responsabilità di effettuare autonomamente i propri calcoli.

In allegato trovate la tabella 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home