ACQUISTI

Rimorchi, a settembre continua il trend negativo (-6,1%)

19 ottobre 2018

L’Unrae conferma la saturazione del mercato: nei primi nove mesi dell’anno praticamente azzerata la crescita rispetto al 2017 (+0,7)

Il processo di rinnovo del parco dei veicoli rimorchiati italiani è giunto al termine? Verrebbe da pensarlo guardando agli ultimi dati elaborati dal Centro Studi e Statistiche di Unrae, sulla base dello stato delle immatricolazioni fornite dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Il mercato dei rimorchi e semirimorchi con massa totale a terra superiore alle 3,5 ton, nei primi nove mesi del 2018, mostra infatti una crescita dello 0,7% rispetto allo stesso periodo del 2017 (11.785 unità contro 11.707). Ma sono ormai sei mesi che l’andamento è negativo: nel solo mese di settembre, ad esempio, con 937 veicoli immatricolati, la flessione è del 6,1% rispetto allo stesso periodo del 2017.

Questo significa che, se il trend al ribasso verrà confermato negli ultimi mesi dell’anno, il 2018 chiuderà in rosso. «Questo risultato – ha spiegato Sandro Mantella, coordinatore del Gruppo rimorchi, semirimorchi e allestimenti di Unrae – dipende fortemente dalla mancanza di un sostegno strutturale al rinnovo del parco dei veicoli destinati all’autotrasporto merci, che faccia parte integrante di una politica di lungo periodo finalizzata alla ripresa complessiva del settore».

«Per quanto riguarda i veicoli rimorchiati in particolare – ha concluso Mantella – la destinazione dei fondi per gli investimenti ai soli mezzi allestiti per il trasporto intermodale sta esaurendo la sua capacità di spinta al rinnovamento del parco».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home