FINANZA E MERCATO

Il prezzo del gasolio aumenta? Cresce in parallelo la diffusione di quello di contrabbando

25 ottobre 2018

È una specie di legge del mercato: quanto più aumenta il prezzo del gasolio, tanto più dilagano coloro che, in maniera truffaldina, cercano forme illegali per contenerlo. E siccome da inizio anno il gasolio alla pompa è aumentato del 33%, sospinto dall’incremento della componente industriale e dall’apprezzamento del dollaro sull’euro, quasi automaticamente, sulle cronache delle ultime settimane, i furbetti del contrabbando tornano ad alzare la testa. Provate a seguirci in questo breve tour e ve ne renderete conto. 

A Lucca, lo scorso 19 ottobre, la Guardia di Finanza ha scoperto 56 mila litri di carburante illegale su due autocarri, per un valore di 90 mila euro con un’evasione dell’imposta di 30mila euro. Il carburante era trasportato in cisterne di plastica stoccate in due semirimorchi. 

O ancora, in Garfagnana i finanzieri, in seguito a una segnalazione, hanno effettuato dei controlli in un deposito di una società di autotrasporto, trovando un rimorchio carico di cisterne con 7.500 litri di gasolio senza documentazione di conformità. Il carburante è stato sequestrato e il rappresentante legale della società denunciato alla procura.

Sull’A1, all’altezza di Incisa Valdarno, lo scorso 9 ottobre la polstrada ha arrestato un camionista che trasportava 24 mila litri di gasolio, del valore di circa 35 mila euro, eludendo il fisco per circa 13 mila.

Il fenomeno riguarda anche il gasolio per uso agricolo: nel foggiano, la Guardia di Finanza ha sequestrato 60 mila litri di gasolio per autotrazione, già venduto in totale evasione d’imposta, pari a oltre 47 mila euro

Tutte queste azioni comportano non solo la violazione delle norme fiscali, ma anche di quelle legate allo stoccaggio e al trasporto di liquidi infiammabili, comportando un rischio elevato sia per l’ambiente sia per coloro che si trovano sulla strada. Ma in fondo determinano anche una concorrenza sleale dei furbetti a danno di chi invece si ostina giustamente a rispettare le norme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home