UFFICIO TRAFFICO

A21: fermati due camion con tachigrafi taroccati. 7.000 di multa e denuncia per i titolari

25 dicembre 2018

Sembra la solita storia di manomissione di tachigrafi, ma forse c’è qualcosa di più. Innanzi tutto la vicenda ha origine non con un semplice controllo su un veicolo, ma su due a pochi giorni di distanza. Nel senso cioè che, dopo aver fermato un veicolo di un’azienda cuneese che trasporta animali vivi, gli agenti della polizia stradale di Alessandria Ovest di stanza sulla A21 non si sono accontentati di averlo trovato con un circuito parallelo a quello del tachigrafo azionabile con un pulsante dalla cabina, ma hanno aspettato di veder transitare un secondo veicolo a pochi giorni di distanza e, quando lo hanno fermato, hanno verificato che era equipaggiato con lo stesso stratagemma. 

A quel punto invece di multare l’autista sono andati direttamente dai titolari dell’azienda, nella fattispecie padre e figlio, e a loro non soltanto hanno comminato una sanzione di 7.000 euro, ma li hanno anche denunciati alla procura della Repubblica per il reato previsto dall’art. 437 del codice penale, vale a dire «rimozioneod omissione dolosadi cautele contro infortuni sul lavoro». 

Come vedete, sembra una storia come tante, ma contiene alcuni elementi differenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home