LEGGI E POLITICA

Unatras accusa il Governo di indifferenza e annuncia manifestazioni per il 28 aprile

29 marzo 2012
Sconcerto in seno all’Esecutivo di Unatras, riunitosi ieri a Roma per lamentare «l’indifferenza del governo» giudicato «incapace di mantenere e far rispettare gli impegni assunti con la categoria» e invitarlo ad accelerare l'emanazione del decreto necessario all'applicazione delle sanzioni previste dall'articolo 83 bis. Messaggio affidato a un comunicato con cui si annuncia pure che il prossimo 28 aprile in dieci delle maggiori città italiane ci saranno manifestazioni dell’autotrasporto per chiedere al Governo il pieno rispetto degli impegni assunti con la categoria.
In una situazione – si legge nel comunicato Unatras – in cui costi per il trasporto hanno raggiunto dei limiti insostenibili, in primis quello del gasolio, le imprese non possono più attendere l’emanazione del decreto necessario all’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 83 bis.
Altrettanta urgenza riveste la modifica del calendario dei divieti di circolazione dei mezzi pesanti e inoltre vanno immediatamente definite le procedure per rendere spendibili al più presto le risorse stanziate a favore degli autotrasportatori.
L’Unatras chiederà un incontro urgente al Governo e solo in caso di una sollecita risoluzione delle questioni ancora irrisolte si potrà riconsiderare l’avvio delle iniziative decise nell'incontro dell'esecutivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home