UFFICIO TRAFFICO

Il Gruppo Onorato vara il ro-ro più grande del Mediterraneo

19 marzo 2019

Maria Grazia Onorato è il nuovo traghetto green, ro-ro cargo, adibito al trasporto principalmente di ortofrutta e ai traffici industriali da e per la Sicilia, che da maggio entrerà sulla rotta Genova- Livorno- Catania- Malta. Varata ad agosto 2018 nei cantieri tedeschi di Flensburg sarà il ro-ro cargo con la maggiore capacità di carico del Mediterraneo. La Maria Grazia Onorato risponderà cosí alla crescente domanda di trasporto di qualità da parte delle imprese di autotrasporto che, sempre piú numerose, stanno imbarcando sulle navi del gruppo specie sulla direttrice strategica delle autostrade del mare dall’Alto Tirreno alla Sicilia sino all’isola di Malta.

La sua enorme capacità di carico –pari a 4.076 metri lineari e 283 trailer – ha richiesto la progettazione ad hoc dei garage dotati di un sistema di rampe innovativo finalizzato a ottimizzare le operazioni di sbarco e imbarco dei mezzi.

Gemella della “Alf Pollak” attualmente impegnata in un contratto di noleggio, è un concentrato di tecnologia avanzata: abbina l’adozione di scrubber dell’ultima generazione (che consentono di abbattere il contenuto di CO2 nei fumi emessi dalla nave, dallo  3,5 allo 0,1% facendone la nave piú green del mondo) con un’eccezionale efficienza energetica garantita dall’implementazione delle norme in materia previste dalle Convenzioni Internazionali, modulando nel modo piú ottimizzato possibile l’utilizzo della potenza dei due motori MAN alle effettive esigenze della nave e al quantitativo di carico che trasporta.

Il Ceo del Gruppo Onorato ha ribadito in queste ore il codice di auto-condotta che si è dato «impegnandosi pubblicamente con l’autotrasporto a una collaborazione dai contenuti molto pragmatici, che ipotizzi anche la definizione di fronti comuni con le istituzioni e con le Autorità portuali in tutte le occasioni in cui debbano essere risolte situazioni o affrontati disservizi che condizionano negativamente il lavoro degli autotrasportatori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home