UFFICIO TRAFFICO

Il governo rettifica: aumenti delle accise per la Protezione Civile solo se necessari

16 aprile 2012
“A seguito di articoli di stampa che prefigurano aumenti immediati sulle accise di carburante, la Presidenza del Consiglio precisa che, come risulta dal comunicato stampa dell’ultimo Consiglio dei Ministri, l’aumento delle accise contenuto nella riforma della Protezione Civile scatterà eventualmente ed esclusivamente ad esaurimento della capienza prevista dal Bilancio. Si precisa inoltre che l’imposizione dell’accisa da parte delle Regioni è rimessa, in conformità all’orientamento espresso dalla Corte Costituzionale, alla facoltà e - non più all’obbligo - delle stesse”.
Con questo comunicato la Presidenza del Consiglio ha chiarito che gli aumenti delle accise ci saranno se serviranno. E per fortuna verrebbe da aggiungere: ci mancherebbe pure che si aumentassero le accise quando la "capienza prevista dal Bilancio" non lo richiede.
In ogni caso, prendiamo atto e ricordiamo pure che, in base a quanto previsto dal decreto liberalizzazioni (convertito con Legge n. 27 del 24 marzo 2012) gli autotrasportatori non hanno piu bisogno di un'apposita legge per ottenere il rimborso di eventuali incrementi di accisa. Automaticamente infatti possono includere questi aumenti nella domanda di recupero che da quest'anno si presenta alla fine di ogni trimestre all'Agenzia delle Dogane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home