LOGISTICA

Freight Leaders Council: «Investire nel GNL significa investire nell'ambiente»

17 maggio 2019

Il Freight Leaders Council ha presentato a Napoli nell'ambito di ConferenzaGNL il Quaderno 28 “Il GNL in Italia, per un trasporto sostenibile” con cui traccia un quadro dei vantaggi ambientali ed economici che si possono ottenere con l'uso del gas liquefatto nei trasporti (scaricabile gratuitamente dal sito www.freightleaders.org).

«La diffusione del GNL – dichiara Antonio Malvestio, coordinatore del comitato editoriale FLC – deve essere incoraggiata se il governo vuole mantenere l'impegno di ridurre le emissioni di gas serra. Un obiettivo che può essere raggiunto anche grazie alle 5 proposte individuate dal Freight Leaders Council.».

Il 30% circa del gas naturale nel mondo viene trasportato in forma liquida, con sistemi di compressione che permettono di ridurre di oltre 600 volte il volume (a pressione atmosferica) e rendono flessibile l'approvvigionamento della materia prima. Sviluppare una rete di infrastrutture capace di rendere disponibile il GNL come carburante contribuirebbe ad abbattere le emissioni di CO2 fino al 15% rispetto ai combustibili tradizionali, dimezzare gli ossidi di azoto e annullare le emissioni di particolato e di ossidi di zolfo. 

In Italia sono già operative 44 stazioni di rifornimento che servono all’incirca 2.000 camion in circolazione; numeri destinati a crescere. Numeri in forte aumento supportati anche da una filiera privata per l’erogazione del GNL.

Anche la rete europea si sta attrezzando per rifornire i circa 6.000 camion immatricolati in Europa: sono già attivi 150 impianti in 13 diversi paesi e a breve anche Polonia e Bulgaria inaugureranno le prime stazioni di servizio. Rispetto al gasolio, il carburante più utilizzato nel trasporto pesante, il GNL offre il vantaggio del prezzo più basso. Dalle analisi presenti nel Quaderno il GNL risulta costare il 43% in meno del diesel (dati 2017) al netto del rimborso dell’accisa previsto per il trasporto commerciale.

Per raggiungere un livello ottimale di diffusione del GNL il Freight Leaders Council propone 5 step:

1-  Un piano nazionale operativo. Dall’analisi condotta nel Quaderno emerge la necessità di definire una strategia che renda più efficiente l’aspetto logistico del settore. In questo ambito sono quattro le priorità: la definizione di un piano nazionale per i depositi costieri; nuovi punti di carico nei rigassificatori di Rovigo, La Spezia e Livorno; una normativa che regoli il rifornimento di GNL ship to ship e un piano per la fornitura di elettricità alle navi ancorate nei porti. 

2-  Regime fiscale determinato per legge. Per consentire agli operatori dell’autotrasporto di pianificare i propri investimenti, serve un impegno da parte del Governo sul regime fiscale da applicare al GNL. Il Piano Nazionale Integrato per l’Energia ed il Clima ha previsto che le accise sul GNL non mutino fino al 2030, ma agli operatori serve certezza normativa.

3-  Rinnovo del parco veicoli. Oltre agli attuali aiuti per l’acquisto dei mezzi, il Governo dovrebbe valutare la riduzione dei pedaggi autostradali per i veicoli pesanti alimentati con GNL e bio – GNL, analogamente a quanto deciso in Germania per il biennio 2019-2020.

4-  Sostenere la produzione dei biocarburanti. Occorre creare le condizioni per un’accelerazione delle produzioni di bio-gas e quindi bio-GNL. Per andare in questa direzione, un primo passo dovrà essere la definizione di un quadro regolatorio stabile per l’uso del bio-gas e del bio-GNL.

5-    Sostenere l’uso del GNL per le navi. Accelerare gli aspetti autorizzativi per le infrastrutture può avere un ruolo fondamentale per lo sviluppo di tutta la logistica costiera utile al rifornimento delle navi. È necessario infine avere una pianificazione stringente di riduzione dell’uso dello zolfo per il mare “chiuso” Mediterraneo, che potrebbe diventare area ECA (Emission Control Area).

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home