UFFICIO TRAFFICO

Fondi per la formazione: scoperta truffa da 6 milioni ai danni del ministero dei Trasporti

11 luglio 2019

Un’altra brutta vicenda che getta fango sull’autotrasporto. Stavolta ad andare in scena è stata una truffa aggravata da almeno 6 milioni di euro ai danni dello Stato, che ha portato alla denuncia di 141 persone e al coinvolgimento di 125 società accusate di acquisire in modo illecito i fondi per la formazione stanziati dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per accrescere le competenze dei dipendenti delle aziende del settore. L’indagine è partita da Voghera, dove la locale sezione della Guardia di Finanza insieme con quella di Pavia ha scoperto che una cooperativa di Voghera presentava domande per ottenere i finanziamenti ministeriali per la formazione con un livello di costi molto superiori a quelli sostenuti per organizzare i relativi corsi, in modo da intascare somme più alte. Poi, portando l’indagine più a fondo, i finanzieri hanno allargato il raggio di intervento in tutta Italia, accorgendosi che in realtà il tutto era partito da un Consorzio della provincia di Roma che chiedeva alle cooperative di gonfiare le fatture che si occupava di raccogliere e di girare poi al ministero. A quel punto, quando otteneva i relativi soldi pubblici sulla base di queste fatture gonfiate, il consorzio chiedeva una seconda fattura o per meglio dire una nota di credito per l'ammontare del costo reale del corso di formazione, senza però mettere il ministero a conoscenza della differenza e quindi intascando la differenza. Così, in questo modo, tra il 2014 e il 2018 il Consorzio è riuscito a mettere da parte 6 milioni di euro. E proprio per cercare di far rientrare questi soldi nella disponibilità del ministero, i Tribunali di Pavia, Milano, Alessandria, Genova, Cuneo e Treviso, coinvolti nell’indagine, hanno disposto il sequestro di oltre 2,5 milioni di euro presso le tante società coinvolte nell’indagine e hanno segnalato 99 responsabili alla Corte dei Conti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home