ACQUISTI

Kässbohrer K.SKS B, al Nufam 2019 il nuovo ribaltabile a due assi

9 ottobre 2019

Con il suo design originale, il semirimorchio consente una distribuzione del carico omogenea, fino a 26 ton e senza gravare eccessivamente sugli assi. Presentato anche il silo ribaltabile K.SSK 60 ADR

Al Nufam 2019 di Karlsruhe (26-29 settembre) Kässbohrer ha presentato il nuovo ribaltabile K.SKS B in acciaio a due assi, progettato specificamente per il settore costruzioni.

Il semirimorchio si distingue per il suo design originale che consente una distribuzione omogenea e ottimale del carico. La nuova vasca ha una capacità di 26 tonnellate, con un carico massimo per asse di sole 9 tonnellate. Questo accorgimento prolunga la vita degli assi, grazie alla distribuzione della merce anche nella zona del perno. Secondo il costruttore turco-tedesco, la struttura integrata riduce i movimenti inversi nell'asse di inclinazione e le connessioni del cilindro idraulico moderano le forze laterali, che possono insorgere durante la marcia, nelle aree di saldatura, garantendo così una durata prolungata del mezzo.

Il K.SKS B previene l'adesione dei materiali residui alla carrozzeria e garantisce uno scarico rapido e pulito attraverso la forma a V del pavimento, combinata con uno speciale design piegato sulle pareti laterali. Progettato per l’allestimento su camion 4×2, 6×2 e 6×4, il semitrailer è dotato di sistema frenante per pavimentazione one-touch e sistema di allarme inclinazione per la massima sicurezza operativa.

Tra gli altri veicoli presenti in Germania, da segnalare il silo ribaltabile K.SSK 60 ADR, leggero e con capacità da 60 mc, realizzato rispettando le raccomandazioni ECTA/DOW e le normative ADR. È adatto per il trasporto di polveri o materiali granulari pericolosi, come carburi, carbone, ceneri e trucioli.

Infine interessante anche il nuovo semirimorchio per il trasporto di macchine agricole K.SLL B 2.Con un’altezza da terra di soli 100 mm e di carico di 400 mm, ed equipaggiato con assi sterzanti idraulicamente, offre la massima manovrabilità anche nelle condizioni di lavoro più difficili e nelle curve strette.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home