ACQUISTI

Gli Stati Uniti premiano l’innovazione italiana di Texa

11 novembre 2019

L’eTRUCK, dispositivo miniaturizzato per il monitoraggio dei mezzi pesanti da remoto, è stato premiato a Las Vegas come il migliore tra gli strumenti in gara

Il dispositivo eTRUCK della società trevigiana Texa si è aggiudicato il premio Innovazione PTEN nella categoria “Diagnostics”, un riconoscimento consegnato in occasione dell’ultima edizione di AAPEX Show di Las Vegas, la più importante fiera americana dedicata all’aftermarket in ambito automotive.

In che cosa consiste il dispositivo? In sintesi è un sistema di diagnostica da remoto. In pochi minuti è possibile installarlo su un veicolo industriale consentendo di essere costantemente seguito dall’officina in modo da rimuovere quelle criticità che, diversamente, si tradurrebbero in un fermo macchina. L’officina, infatti, installandolo sui mezzi dei clienti ha la possibilità di monitorarne in modo costante da remoto lo stato di funzionamento, eseguendo funzioni come lettura e cancellazione degli errori, lettura dei parametri ingegneristici dei sistemi Powertrain e, novità assoluta, gestire funzioni molto utili come ad esempio la rigenerazione del filtro antiparticolato. Tutto questo in un’ottica di monitoraggio e manutenzione predittivi.

La giuria, composta da giornalisti dell’omonimo mensile e da esperti del mondo “heavy duty”, settore in continua crescita negli Stati Uniti, ha individuato in eTRUCK un prodotto innovativo e dalle caratteristiche uniche, tanto da risultare il migliore tra gli strumenti in gara.

«Per noi questo nuovo riconoscimento significa molto – ha commentato Bruno Vianello, fondatore e Presidente di TEXA – perché conferma che il lavoro che abbiamo fatto e stiamo attualmente portando avanti negli Stati Uniti è stato apprezzato. È un mercato al quale guardiamo con grande interesse e sul quale stiamo investendo molto. Avere imposto la tecnologia TEXA anche in questa grande nazione certifica la bontà del lavoro svolto da tutte le straordinarie persone che compongono la nostra azienda».

Per saperne di più, leggi l'intervista allegata. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home