UFFICIO TRAFFICO

Autotrasportatore accusato di estorsione per costringere gli autisti a falsificare i tempi di guida

25 novembre 2019

Estorsione e attentato alla sicurezza dei trasporti. Sono questi i due reati che la polizia giudiziaria, sulla base delle indagini condotte dalla polizia stradale di Foggia, contesta al titolare di un’azienda di autotrasporto del Nord Italia (sul nominativo è stato tenuto riserbo, anche se la sede legale sembra essere in Lombardia o più precisamente nel varesotto), dopo aver appurato le modalità con cui trattava i propri autisti. Tutto è scaturito da un normalissimo controllo avvenuto in autostrada nello scorso mese di ottobre, quando su un camion della flotta della società, fermato dalla polizia pugliese, venivano riscontrati nei fogli di registrazione del tachigrafo alcuni aspetti non coerenti con quanto rilevato dalla memoria dal tachigrafo. Così, gli agenti si mettevano alla ricerca di indizi che potessero far emergere l’origine delle stranezze, fino a quando, sentendosi evidentemente pressato, l’autista ha ammesso che quanto riscontrato dagli agenti era la conseguenza di un’alterazione dei fogli richiesta direttamente dal titolare dell’azienda per onorare – a suo dire – dei precisi impegni assunti rispetto alle tempistiche di arrivo dei camion nei luoghi di carico e scarico. In pratica, l’alterazione, finalizzata a ridurre i tempi di riposo, era il frutto di una pressione dell’imprenditore nei confronti dei dipendenti

Fatto sta che a quel punto gli agenti hanno riferito la cosa alla polizia giudiziaria che ha iniziato le indagini con cui, nell’arco di poco più di un mese, si è giunti alla denuncia dell’imprenditore con la doppia accusa ricordatata: estorsione (vale a dire il comportamento di chi intende trarre un profitto attraverso una minaccia o una violenza) e attentato alla sicurezza dei trasporti, che consiste nella manomissione di quegli strumenti – come appunto il tachigrafo – diretti a garantire lo svolgimento sicuro dei trasporti lungo strade pubbliche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home