FINANZA E MERCATO

Rinnovo veicoli, esauriti i contributi stanziati

5 dicembre 2019

Le risorse stanziate dal ministero delle infrastrutture e trasporti per il rinnovo dei veicoli aziendali sono state tutte prenotate dalle aziende di autotrasporto e per il momento risultano esaurite. Lo comunica Confartigianato Trasporti, ricordando che da quest’anno, per accedere agli incentivi, è previsto un meccanismo di prenotazione che prevede il contributo certo per le imprese solo fino a esaurimento delle somme disponibili.

Al 3 dicembre 2019 il contatore dei contributi prenotati dalle imprese vedeva una percentuale di prenotazione per l’acquisto di veicoli a trazione alternativa di oltre il 176% (su uno stanziamento di 9,5 milioni di euro), di rottamazione dei veicoli pesanti del 100% (su 9 milioni) e dell’acquisizione di rimorchi e semirimorchi del 159% (su 6 milioni), mentre per casse mobili e portacasse la percentuale è ancora molto bassa (8,5% su una cifra totale di 500 mila euro).

Lo sforamento di quota 100 si spiega col fatto che la fase di prenotazione è finalizzata all’accantonamento dell’importo che spetta astrattamente alle singole imprese che chiedono l’incentivo e si basa solo sul contratto di acquisizione del veicolo oggetto dell’investimento, allegato al momento della domanda. In caso di esaurimento delle risorse, come è l’attuale situazione, le domande vengono accettate con riserva, ai fini dell’eventuale scorrimento dell’elenco dei richiedenti.

L’entità delle risorse disponibili per ognuna delle singole tipologie di investimento viene inoltre aggiornata periodicamente, anche a seguito di eventuali scorrimenti della graduatoria. Gli importi che risultano dai contatori pertanto rappresentano una stima complessiva degli incentivi massimi erogabili per tipologia di investimento, ma per sapere quale sarà l’incentivo effettivamente spettante a ciascuna impresa si procederà, entro i termini previsti dal decreto 11 ottobre 2019, alla verifica dei costi rendicontati e alla sussistenza dei requisiti previsti per gli investimenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home