LEGGI E POLITICA

L’Inail stanzia 251 milioni per incrementare la sicurezza sul lavoro: domande entro il 31 gennaio 2020

27 dicembre 2019

L’Inail continua a incentivare la ricerca di sicurezza sui luoghi di lavoro, in maniera concreta e continuativa. Sulla Gazzetta Ufficiale n.297 è stato pubblicato l’estratto dell’avviso dell’Istituto relativo al Bando ISI 2019 con cui appunto si prevedono finanziamenti alle imprese interessate a migliorare i livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro che ammontano a 251 milioni di euro, suddivisi in 5 assi di finanziamento. Ecco i primi 3, simili a quelli previsti negli anni precedenti: 

  1. progetti di investimento e progetti per l'adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale, tra cui, a titolo di esempio, le attivitù dirette alla riduzione dei rischi chimico, da vibrazioni meccaniche e da caduta dall’alto oppure quelle relative all’adozione di modelli organizzativi e gestionali ai sensi dell’art. 30 del d.lgs 81/2008; 
  2. progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi, come quelli relativi alla riduzione dei rischi legati ad attività di sollevamento, abbassamento e trasporto dei carichi. 
  3. progetti di bonifica da materiali contenenti amianto

Il finanziamento è erogabile nel rispetto della normativa sugli aiuti de minimis e l’importo massimo non può superare 60.000 euro, mentre quello minimo ammonta a 1.000 euro. Per accedervi è richiesto un punteggio minimo pari a 120 punti. 

Per i progetti che comportano un contributo superiore a 30.000 euro, è possibile chiedere un anticipo pari al 50% del contributo stesso, previa costituzione di garanzia fideiussoria a favore dell’INAIL. 

È confermato l’incentivo crescente (10 punti) per i progetti effettuati con il coinvolgimento di due parti (una in rappresentanza delle aziende e l’altra dei lavoratori), oppure nell'ambito della bilateralità (13 punti). Ciascuna impresa può presentare una sola domanda, per un solo asse di finanziamento e per una sola tipologia di progetto. La presentazione deve avvenire in modalità telematica, con successiva conferma tramite l’inoltro della documentazione a completamento, da effettuarsi con le modalità e secondo le tempistiche che saranno diffuse sul sito internet dell’Istituto, entro il 31 gennaio 2020

In caso di ammissione al finanziamento, il progetto deve essere realizzato (e rendicontato) entro 365 giorni decorrenti dalla data di ricezione della comunicazione di esito positivo della verifica; tale termine è tuttavia prorogabile su richiesta motivata dell’impresa/ente, per un periodo non superiore a sei mesi. 

Tutti i dettagli li trovate nell’apposita sezione del sito internet dell’Istituto 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home