LEGGI E POLITICA

Blocchi ai porti: la Sicilia ottiene impegni dal governo sul marebonus, la Sardegna prosegue la protesta

7 gennaio 2020

Gli autotrasportatori saranno coinvolti nella definizione dei criteri della nuova Convenzione sulla continuità territoriale, vale a dire quella che da luglio andrà a sostituire l'attuale testo. Inoltre, per quanto riguarda i trasporti marittimi da e per la Sicilia saranno valutate entro la prossima settimana le possibilità concrete di utilizzo del Marebonus, per attenuare l’impatto dei rincari sul costo del carburante a basse emissioni divenuto obbligatorio per le navi traghetto in virtù di una normativa internazionale.

Sono queste – secondo Maurizio Longo, segretario generale di Trasportounito - i principali argomenti proposti alle rappresentanze dell'autotrasporto siciliano dalla ministra dei Trasporti, Paola De Micheli e dal vice Ministro, Giancarlo Cancelleri. In serata ci sarà un altro incontro presso la Regione Sicilia, a cui farà seguito un ulteriore confronto la settimana prossima con i responsabili del ministero per definire le scelte operative.

Per quanto riguarda la Sardegna il sindacato degli autotrasportatori ha deciso di prolungare lo stato di agitazione, mentre sulla Sicilia molto dipenderà dal confronto previsto per la serata con i rappresentanti della Regione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home