UFFICIO TRAFFICO

Catanzaro. Esplode camion con bombole d’ossigeno, l’autista evita la strage

20 gennaio 2020

Sappiamo bene che è nelle emergenze e nel pericolo che viene fuori il coraggio delle persone. Non è perciò eccessivo parlare di eroismo per il trasportatore che ieri, in Calabria, ha probabilmente evitato una strage durante un incidente che poteva finire in tragedia.

Il fatto è accaduto intorno alle 13:30 nel quartiere Lido di Catanzaro, nei pressi del ristorante “Tonnina’s”, quando un camion che trasportava bombole medicali di ossigeno liquido è andato a fuoco. L’incendio è divampato nel vano che ospitava le bombole, estendendosi poi a tutto il veicolo. L’autista si è subito reso conto del potenziale pericolo per chi era lì presente e ha deciso, invece di abbandonare il mezzo, di guidarlo fino a un luogo isolato. Ha poi fermato il camion in una strada semideserta, aiutato da una volontaria dei Vigili del Fuoco che si trovava casualmente nei pressi, e ha fatto allontanare tutte le persone nei paraggi, dando l’allarme alla centrale operativa dei VVFF.

Ma a questo punto cinque delle bombole sono esplose, mentre parte delle altre sono state scaraventate sia sulla vicina linea ferroviaria Catanzaro Lido-Reggio Calabria – interrotta precauzionalmente per alcune ore, poi riaperta – sia su alcune strutture all’ingresso del quartiere Lido. Fortunatamente nessuna persona è rimasta coinvolta o ferita nell’incendio, tranne l’eroico conducente del camion che, trasportato all’ospedale Pugliese, pare non avere riportato ferite gravi.

Nel rallegrarsi per la lieta conclusione della vicenda, ci piace anche sottolineare come sempre più spesso i trasportatori si rendano protagonisti di azioni valorose che evitano conseguenze drammatiche durante situazioni di emergenza. Chi guida veicoli pesanti o commerciali è ben consapevole, nella grande maggioranza dei casi, delle responsabilità del suo lavoro e sa comportarsi nel modo giusto al momento opportuno. C’è di che andarne fieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home