LEGGI E POLITICA

Anche per il 2020 l'ART chiede contributo all'autotrasporto, anche se per ora è sospeso

28 febbraio 2020

L’Autorità di regolazione dei trasporti (ART) ci riprova. O quasi. Perché dopo che negli anni scorsi aveva richiesto un contributo anche alle aziende di autotrasporto e dopo che puntualmente i giudici amministrativi dal 2015 al 2019 avevano respinto al mittente la sua richiesta, da Torino (città in cui ha sede l’Autorità) parte anche la delibera dell’Authority n.172/2019 del 5 dicembre 2019, approvata dal Consiglio dei ministri del 29 gennaio, con cui si chiedono i contributi per il 2020. Ebbene, con somma sorpresa anche stavolta l’ART inserisce l’autotrasporto tra i settori tenuti a corrispondere il contributo, anche se, rispetto agli anni passati, stavolta, in maniera cautelativa, ha deciso di sospendere la richiesta di versamento in attesa della definizione dei giudizi pendenti. Il riferimento potrebbe essere sia al fatto che alcuni giudizi sollevati dalle associazioni di categoria non sono ancora arrivati a sentenza o anche al fatto che ha intenzione di proporre appello al Consiglio di Stato rispetto alla sentenza pronunciata dal TAR del Piemonte.

In ogni caso nella sospensione va fatto rientare anche l’obbligo richiesto alle aziende di autotrasporto di merci per conto di terzi di dichiarare online i dati amministrativi ed economici richiesti nel modello telematico predisposto dalla stessa ART.

Sta di fatto che anche rispetto al 2020 il contributo viene fissato nella misura dello 0,6 per mille del fatturato risultante dall’ultimo bilancio approvato alla data di pubblicazione della delibera (il 12 febbraio 2020). Il versamento non è dovuto per importi contributivi pari o inferiori a 1.800,00 euro e quindi sono chiamate a pagare le imprese con fatturato superiore a 3 milioni di euro annui, quando in passato questo tetto arrivava a 5 milioni di euro.

Il pagamento è dovuto in due tranche: l’acconto di due terzi entro il 30 aprile prossimo e il saldo entro il 30 ottobre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home