LOGISTICA

Transpotec Logitec: a febbraio ritorno a Verona

5 giugno 2012
A volte ritornano, sarebbe il caso di dire, ma con un volto diverso. Parliamo del Transpotec Logitec che Fiera Milano organizzerà dal 28 febbraio al 3 marzo nel contesto in cui era nato, vale a dire a Verona. Ma questo ritorno alle origini, però, viene interpretato nel segno dell’innovazione, perché la manifestazione non è concepita più come una semplice esposizione statica, ma come una piattaforma per supportare gli obiettivi allargati del mercato della mobilità delle merci – quindi da quelli che passano dal magazzino a quelli riferiti alla distribuzione al cliente finale – per coglierne quelle innovazioni e quei cambiamenti in grado di creare valore aggiunto. Il presupposto da cui si muove, cioè, è quello di considerare i servizi logistici come lo strumento in grado di generare quel fattore di competitività, reso essenziale da un’economia che punta sempre di più a ottimizzare e a tagliare i costi.
Discorso replicabile anche per quanto riguarda, all’interno di questo mercato, l’offerta di veicoli e di attrezzature, sempre più orientata non tanto a vendere un bene, quanto a fornire un servizio articolato su vari momenti, dai quali attingere maggiore efficienza. Parliamo nel complesso di un mercato che, almeno in Italia, stando ai dati del Politecnico di Milano, vale 70 miliardi di euro e coinvolge complessivamente 114.000 aziende con caratteristiche decisamente diverse, ma che – dicono gli organizzatori del Transpotec – potranno trovare tutte nella nuova formula della fiera uno spaccato delle innovazioni di loro interesse e confrontarle con quelle generali del mercato, per trarne informazioni utili e strategie da acquisire.
Il nuovo Transpotec Logitec punta a coinvolgere le aziende in una piattaforma b2b2b, una grande piazza circolare business to business to business dove espositori e visitatori vengono considerati come parte di un unico network, consentendo la creazione di nuove forme di scambio, nuovi canali di informazione, nuovi mercati per la vendita. Durante la manifestazione, per esempio, nuove formule di incontro tra gli operatori, consentiranno di programmare appuntamenti mirati grazie alla formula del matching e degli speed dating, offrendo agili momenti di confronto e scambio, che potranno essere conservati anche a manifestazione conclusa.
Inserita nel calendario OICA (Organizzazione Internazionale Costruttori di Automobili), Transpotec Logitec punta ovviamente a difendere le peculiarità dell’offerta logistica nazionale, ma guarda anche oltre, in particolare, grazie ad un accordo stipulato a dicembre scorso, mira a coinvolgere l’area del Mediterraneo, del Medio Oriente e dei Balcani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home