Veicoli - logistica - professione

Home Professione Ufficio traffico Cambiavano il numero di telaio di camion rubati per usarli nella propria ditta di autotrasporto

Cambiavano il numero di telaio di camion rubati per usarli nella propria ditta di autotrasporto

-

La fantasia dell’illegalità nell’autotrasporto non ha confini. L’ultima frontiera è stata «varcata» da un 54 enne di Massa, in Toscana insieme al figlio di 34 anni e alla sua convivente, titolare – almeno sulla carta – di una piccola azienda di autotrasporto, nei quali comunque era impiegata l’intera famiglia. Ora risultano tutti indagati insieme a un autista di camion trovato all’interno dell’azienda, per riciclaggio. Il disegno criminale era in sé quasi elementare: secondo l’accusa padre e figlio – ma la mente del colpo sembra essere soprattutto il primo, il cui soprannome «Hand grenade» (bomba a mano) ha dato anche il nome all’inchiesta – avevano costruito un perfetto cerchio, all’interno del quale i camion venivano trafugati ad autisti stranieri in Italia, quindi erano trasferiti nel capannone dell’azienda di Massa e qui tramite punzoni vari erano cancellati i numeri dei telai per applicarne di nuovi, riferiti a veicoli immatricolati in Olanda. E a questo scopo agli stessi camion venivano messe delle targhe del paese dei tulipani e quindi o utilizzati direttamente dall’azienda massese o rivenduti o addirittura noleggiati.

Senonchè qualche settimana fa nel corso di un banale controllo la polizia stradale si è accorta che non esisteva corrispondenza tra il numero di telaio del veicolo fermato e quello riportato sulla carta di circolazione. E lì sono partite le perquisizioni presso la ditta di autotrasporti, dove sono stati rinvenuti quattro camion pronti per «passare a nuova vita».

Nella sede dell’azienda peraltro sono state ritrovati rifiuti pericolosi, soprattutto batterie esauste che i titolari dell’azienda non hanno saputo giustificare. Rimane il fatto che l’azienda non disponeva delle necessarie autorizzazioni per smaltire e trasportare rifiuti pericolosi. Dimenticanza da poco, visto il resto…

Redazione
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti