Veicoli - logistica - professione

Home Professione Ufficio traffico Camionisti USA confessano: poca formazione e scarsa sicurezza

Camionisti USA confessano: poca formazione e scarsa sicurezza

-

A volte «Italians do it better», almeno per quanto riguarda la sicurezza e professionalità del trasporto merci. Secondo i camionisti americani, infatti, la formazione degli autotrasportatori negli Stati Uniti è insufficiente e la sicurezza inadeguata. Lo rivela un’indagine del NIOSH (National Institute of Occupational Safety and Health), l’istituto federale USA per la ricerca nel campo degli infortuni e delle malattie professionali.

Un sondaggio effettuato nei confronti degli autotrasportatori che lavorano sul territorio statunitense sulle lunghe distanze ha infatti evidenziato che la questione sicurezza è largamente sottovalutata. In particolare, vengono sottostimate le lesioni non dovute a scontri e l’incidentalità dei trasporti pesanti, mentre prevale la non conformità rispetto alle norme sulle ore di guida e, soprattutto, l’inadeguatezza della formazione di primo livello. Lo studio – che è il primo a occuparsi di incidenti di camion, infortuni sul lavoro, ambiente di lavoro, formazione e comportamenti dei trasportatori – ha rivelato tra l’altro che il 68% delle lesioni extra-incidenti tra i conducenti, che hanno comportato giorni di astensione dal lavoro, non sono stati segnalati ai datori di lavoro. Circa il 35% degli autisti ha subito almeno un incidente in carriera e il 38% ha affermato che la formazione ricevuta all’inizio del loro lavoro è stata carente.

Quasi il 75% dei conducenti intervistati ha inoltre ammesso che le loro consegne hanno tempi “irrealisticamente stretti”. I ricercatori del NIOSH ne deducono che i conducenti hanno così la tendenza a intraprendere azioni “non sicure”, come l’eccesso di velocità o la guida in stato di stanchezza. E infatti il 24% degli intervistati ha confessato che spesso continuavano a guidare nonostante l’affaticamento, il cattivo tempo o il traffico pesante, proprio a causa della necessità di caricare o consegnare un carico in un determinato momento. Tanto che il 5% dei trasportatori ha riferito di guide a 15 km all’ora o più sopra il limite di velocità.

Il sondaggio ha riguardato 1.265 camionisti di lungo raggio, intercettati in 32 aree di sosta lungo tutti gli Stati Uniti.

Redazione
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti