Veicoli - logistica - professione

Home UeT Blog La salute vien guidando Come conciliare la professione di autista con l'essere genitore

Come conciliare la professione di autista con l’essere genitore

Chi lavora come autotrasportatore fa fatica a conservare una presenza quotidiana nella vita di famiglia: al mattino si sveglia molto presto, la sera torna tardi e spesso non torna affatto per tutta la settimana. Di conseguenza concedersi del tempo con i propri figli non è sempre facile. Per fortuna ci sono tanti modi per «stare vicini a distanza». Li abbiamo passati in rassegna

-

Il lavoro costringe a trascorrere tanto tempo fuori di casa. E quando si è genitori questa assenza può trasformarsi in una sfida continua e costante. A volte, per motivi di lavoro, di studio o a causa di una qualche trasferta non è possibile stare quotidianamente accanto ai propri figli. Ma non è la distanza in sé che rende un genitore una figura meno importante: si può essere un punto di riferimento anche nella lontananza.
Quella di autotrasportatore è una professione che rende molto complesso riuscire a conservare una presenza quotidiana nella vita famigliare: la sveglia al mattino è molto presto, le ore di impegno sono tante, l’ora in cui si rincasa è spesso molto spostata in avanti, a volte si resta lontano da casa per parecchi giorni, se non tutta la settimana. Insomma, concedersi un po’ di tempo con i propri figli non è sempre facile.

Si può conciliare l’essere presenti con la distanza?

Certamente, è possibile. Ecco qualche consiglio utile.

  • Spiegare al proprio figlio il perché si è distanti | I bambini, soprattutto se molto piccoli, hanno un pensiero “egocentrico”, nel senso che interpretano la realtà circostante in funzione ai loro bisogni e alle loro paure. Per cui, chiarire che “non è colpa loro” se un genitore sta tante ore lontano da casa è un passo fondamentale per non farli sentire rifiutati o abbandonati.
  • Cercare di condividere degli interessi | Questo vale sia per le attività da svolgere “in presenza” durante i giorni di riposo o nel fine settimana (come per esempio, giocare a palla, andare in bicicletta), sia quelle a distanza. In questo caso, si può ricorrere alle telefonate o alle videochiamate per leggere dei racconti, commentare un film, una partita o un cartone animato insieme). È importante trasmettere interesse e passione per gli spazi che si trascorrono insieme, così che i bambini e/o ragazzi possano percepire chiaramente una partecipazione e la volontà di condividerlo.
  • Mantenere una comunicazione quotidiana | Chiamare il proprio figlio (a) quanto più spesso è possibile e farsi raccontare la sua giornata, stabilendo degli appuntamenti “fissi” (per esempio, in concomitanza con i pasti, prima di andare a dormire). Se non è possibile telefonare o videochiamare, ci si può anche far inviare qualche foto sul cellulare. È importante trasmettere l’interesse per la sua quotidianità e per le persone per lui significative;
  • Far sentire la propria presenza, soprattutto nelle occasioni importanti | Se non è possibile essere presenti fisicamente è bene motivarne con sincerità la ragione. È importante per mantenere il senso di fiducia. Comunicare vicinanza e condivisione emotiva è sempre molto importante, sia in occasione di un evento gioioso (a Natale come per il compleanno, in caso di un bel voto a scuola, come per un obiettivo raggiunto es. sport saggio ecc), sia triste (come una lite con un amico, un brutto voto, la perdita di un animale domestico, una delusione).
  • Mai fare promesse che non si possono mantenere | Questo è un must che vale sempre ma, nei confronti dei figli, ancora di più. Può essere una fonte di dolore e frustrazione per entrambi, rischiando di minare la fiducia genitore/figlio.
  • Non compensare sempre la lontananza con un regalo | Certo, è un pensiero che fa piacere ma la vicinanza e l’affetto si possono trasmettere anche senza dover mettere le mani al portafoglio. Anzi.
  • Collaborare con il partner | È importante che tra padre e madre vi sia il più possibile complicità e unicità di visione nel gestire la genitorialità a distanza. Soprattutto, è fondamentale che il partner che rimane più tempo con il figlio non recrimini con lui la mancanza dell’altro genitore; i problemi coniugali devono restare all’interno della coppia, senza coinvolgere i figli per evitare di minare la serenità familiare.


In conclusione, essere un genitore distante non necessariamente significa essere un genitore emotivamente assente.
Si può essere molto presenti e attenti anche a chilometri di distanza. Magari anche molto di più.

Potrebbe interessarti anche:
Le feste senza i tuoi? Per un autotrasportatore è spesso normale

close-link