Veicoli - logistica - professione

Home Professione Leggi e politica Il ruolo del tachigrafo nel pacchetto mobilità| K44 Risponde

Il ruolo del tachigrafo nel pacchetto mobilità| K44 Risponde

Ci sono due regolamenti e una direttiva nel pacchetto mobilità, che entrano in vigore con tempi e modi diversi. Ma come cambiano la vita dell'autista a bordo e il suo rapporto con il tachigrafo? E in che modo e in quali tempi sarà modificata l'organizzazione delle aziende e si stabilirà una concorrenza più leale all'interno dell'UE? Sono le domande a cui cerca di rispondere questo videocast con l'aiuto di Ugo Mazzucco di Continental VDO e di Paolo Starace, presidente della sezione Veicoli Industriali di Unrae

-

Il pacchetto mobilità è veramente vasto. Di norme che stravolgono i tempi di guida e, più in particolare, la gestione del riposo ce ne sono veramente tante. Con l’aiuto di Ugo Mazzucco, formatore presso l’ente di Continental VDO, ne passiamo in rassegna diverse, da quelle che forniscono una nuova definizione di riposo a quelle che consentono di derogare ai tempi di guida, fino a quelle che introducono l’obbligo dei rientri degli autisti ogni quattro settimane.

Con Paolo Starace, invece, presidente della sezione Veicoli Industriali di Unrae, prenderemo in considerazione la capacità della pacchetto mobilità di risolvere ai problemi di concorrenza creatisi nell’Unione europea con l’ingresso dei paesi orientali. Ma più ancora valuteremo come lo stesso complesso normativo modificherà il mercato dell’autotrasporto e come quindi le aziende di autotrasporto dovranno adattare le loro strategie operative.

Buona visione!

I video presenti nel programma sono stati registrati prima dell’emergenza Covid-19

Redazione
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui