Veicoli - logistica - professione

Home Prodotto Mondo pesante La Aliberti apre la flotta a 40 Iveco S-Way

La Aliberti apre la flotta a 40 Iveco S-Way

Consegnati presso la concessionaria Mecar di Nocera Inferiore i veicoli oggetto di una prima fornitura che Gino Aliberti, presidente della società di trasporti attiva nel segmento della temperatura controllata, definisce «la prima di una proficua collaborazione che si riconfermerà nel prossimo futuro»

-

Quaranta camion non si comprano tutti i giorni. Ma la Aliberti, azienda di trasporto specializzata nel segmento della temperatura controllata, aveva atteso la fine del lockdown per andare a bussare alla porta della sede della Mecar di Nocera Inferiore (Sa), concessionaria Iveco di riferimento per Campania, Calabria e Basilicata, e richiedere una fornitura di nuovi S-Way, di cui ormai aveva urgente bisogno. D’altra parte, parliamo di una realtà, il cui quartier generale è a Montoro, in provincia di Avellino e che anche durante la stasi del paese causato dall’emergenza sanitaria ha sempre continuato a lavorare, avendo tra i suoi clienti molte multinazionali del settore food, a partire dalla Ferrero di Alba, seguita tramite la filiale di Guarene (CN). 

Stamattina quella fornitura di quaranta veicoli è stata consegnata proprio presso la Mecar alla presenza di Gino Aliberti, presidente della società, di Alessandro Oitana, Medium & Heavy Business Line manager Iveco, di Fabrizio Scirè, Area Manager Iveco, e per Mecar, di Gianandrea Ferrajoli, Matteo Gennari e Matteo Innaco, rispettivamente presidente, general manager e direttore commerciale.

I nuovi veicoli, tutti in livrea bianca su cui campeggia sul tetto il logo rosso della società, sono equipaggiati con un motore Cursor 13 da 510 CV, cambio automatizzato e una dotazione tecnologica di ultima generazione, finalizzata a contenerne i costi operativi e a incrementarne la produttività. Tra i vari sistemi presenti si segnalano i pacchetti Driving Comfort, High Value, Living Comfort, anche se ancor più emblematico, rispetto alla sua capacità di incidere sul totale dei costi operativi, è il Connectivity box, lo strumento in grado di mantenere il veicolo in contatto costante con il team di professionisti della Control Room di Iveco e permettere così un’assistenza continua da remoto, incrementando il tempo di disponibilità del veicolo e limitando i fermi macchina grazie alla manutenzione predittiva.

Fattori che sicuramente hanno avuto nella motivazione all’acquisto di Gino Aliberti, il quale ha chiarito come la domanda di trasporto da parte della committenza del settore pretende «sempre più affidabilità e puntualità del servizio», richieste che evidentemente contano di poter soddisfare con il nuovo pesante Iveco e con l’assistenza del dealer Mecar.

Ma soprattutto Aliberti ha posto l’accento su come questa fornitura di quaranta veicoli sia la «prima di una collaborazione che si riconfermerà nel prossimo futuro». Una relazione che inorgoglisce il presidente di Mecar, Gianandrea Ferrajoli, visto stiamo parlando di «uno dei più importanti player nel settore della temperatura controllata», ma costituisce anche una sfida visto che lo stesso dealer si occuperà di fornire il suo supporto al cliente anche per tutti servizi di assistenza post vendita. 

Redazione
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti