Veicoli - logistica - professione

Home Prodotto Mondo pesante L'Actros del risparmio e quello dell'orgoglio

L’Actros del risparmio e quello dell’orgoglio

Mercedes-Benz Trucks propone due nuove versioni del camion dell'anno completamente diverse. La prima - l'Actros F - è un trattore essenziale, privo di fronzoli e di sistemi (non ci sono nemmeno le telecamere al posto degli specchi), per mettere in equilibrio qualità e costi. La seconda - l'Edizione 2 - è un veicolo in serie speciale (400 esemplari) da personalizzare secondo le proprie esigenze per gratificare l'orgoglio e l'emotività. In vendita da gennaio 2021

-

Un colpo al cerchio e uno alla botte. Mercedes-Benz va a caccia di nicchie o di segmenti differenti di mercato e in un colpo solo lancia due veicoli, due versioni dell’Actros completamente differenti, l’una votata alla funzionalità e all’economicità più stringata, l’altra alla passione e all’emotività.

Il trattore essenziale

Il primo modello si chiama Actros F e di fatto segna l’ingresso di Mercedes-Benz nel mondo dei trattori da 18 tonnellate in avanti. La nuova versione, disponibile dal gennaio 2021 in 24 mercati europei, Italia compresa, è stata concepita per clienti che vogliono sì un camion con la stella sulla calandra, ma in virtù del lavoro che fanno – per esempio trasporto di casse mobili o di silosnon necessitano di tutti quei sistemi tecnologici che impreziosiscono e di fatto rendono anche un po’ più costosa l’ammiraglia della casa tedesca. Perché è chiaro che chi fa una scelta di questo tipo cerca un rapporto ottimale tra qualità e prezzo, nel senso che non intende fare a meno dell’affidabilità connaturata al marchio, non vuole sacrificare il comfort e il benessere dell’autista, ma al tempo stesso vuole risparmiare qualcosa rinunciando a quegli equipaggiamenti che magari finirebbe per non utilizzare. 

Cosa vuol dire all’atto pratico? Rispetto al comfort, viene garantito dalla disponibilità delle cabine StreamSpace o BigSpace, larghe 2,5 metri e con appena 12 centimetri di tunnel motore. Ma a chiarire il concetto ispiratore di questo veicolo è il fatto che tra gli equipaggiamenti c’è il semplice Classic Cockpit, ma non ci sono invece le MirrocCam, sostituite dai più tradizionali specchi retrovisori in vetro. Poi, ovviamente, chi vuole aggiungere qualcosa può farlo, nel senso che insieme al sistema di navigazione, al climatizzatore e alle diverse scelte di equipaggiamenti opzionali, ci può anche chiedere il nuovo Multimedia Cockpit da 10 pollici con volante multifunzione. Così come opzionale è il nuovo Predictive Powertrain Control, vale a dire il cambio automatico delle marce in base a uno stile di guida adattato alla topografia. Non manca invece il sistema di assistenza alla frenata attiva di quinta generazione, che da gennaio 2020 è montato di serie su un po’ tutti gli Actros e anche l’assistenza per il mantenimento della corsia. È in optional, invece, il Sideguard Assist.

L’interesse per la connettività

Dove l’Actros F non difetta praticamente di nulla è la connettività. Nel senso che anche qui ci si può affidare a tutte le funzioni del Fleetboard, che produce dati in tempo reale e consente di gestire in modo ottimizzato ed economico le flotte. 

Inoltre anche l’Actros F consente un’assistenza tramite l’Uptime Mercedes-Benz, vale a dire un sistema di telediagnosi automatica che monitora costantemente lo stato del veicolo e in caso di bisogno fornisce immediata assistenza.

Tra i servizi ci sono pure soluzioni personalizzate a tutti i livelli. Per esempio tra i contratti di assistenza compare dal marzo 2021 il Mercedes-Benz CompleteMile, che è una soluzione flessibile comprensiva di tutti i lavori di officina, comprese le parti soggette ad usura, ma con una tariffa mensile calcolata sulla base dei chilometri effettivamente percorsi. Dato ovviamente raccolto tramite Uptime. 

Actros Edizione 2: il veicolo delle meraviglie

L’altro Actros è tutto un altro film. Innanzi tutto non è un modello pensato per una specifica clientela, ma una serie speciale, nel senso che esisterà soltanto in 400 esemplari ordinabili dal gennaio 2021. Si chiama Edizione 2 ed è pensato per quei trasportatori che quando guardano il camion faticano a considerarlo soltanto un freddo strumento di lavoro, un generatore di fatturato, ma lo ritengono anche una piccola casa viaggiante, in cui si trascorrono intere giornate e che deve gratificare innanzi tutto l’emotività di chi guida, magari a fungere da biglietto da visita dell’impresa di autotrasporto e, in qualche caso, anche ad avvicinare nuovi autisti, divenuti sempre di più merce rara.

Ecco perché per assecondare al meglio le esigenze individuali di questi trasportatori, per personalizzare in qualche modo il veicolo, sono disponibili 40 opzioni aggiuntive per gli interni e gli esterni, nonché elementi di design tutti particolari, così da rendere l’Actros Edizione 2 qualcosa di unico o quanto meno di diverso rispetto ai modelli di serie.

Volete qualche esempio? Il cruscotto e le maniglie delle portiere rivestite in nappa, altre parti interne in fibra di carbonio, la botola sul tetto con illuminazione ambientale. E poi un nuovo home screen nel display principale del Multimedia Cockpit, il logo dell’Edition in alluminio lucido e spazzolato sul lato passeggero, il letto superiore dotato di biancheria da letto e di una larghezza di 90 centimetri. E ancora una tenda a tutto tondo, beige all’interno e nero all’esterno, per garantire una privacy totale 

All’esterno, invece, c’è la scritta “Edition 2” nella visiera parasole laccata, l’emblema Actros davanti, la scritta Actros sul lato superiore della parete posteriore della cabina, quattro faretti LED aggiuntivi nella visiera parasole e tre fari di lavoro a LED dietro la cabina, i gradini d’ingresso in acciaio inox. Anche i tappi dell’assale posteriore sono in acciaio inossidabile, con i dadi di protezione delle ruote. Infine, una stella a tre punte illuminata e diversi elementi decorativi della griglia in cromo scuro, mentre il bordo dei fari è oscurato.

L’Edizione 2 è offerta per tutte le varianti a due e tre assi dell’attuale generazione Actros con cabine GigaSpace e BigSpace. La verniciatura della cabina è liberamente selezionabile e può essere personalizzata in base ai colori aziendali del cliente, mentre la parte anteriore del veicolo è sempre verniciata in grigio pietra di luna metallizzato.

L’equipaggiamento della serie Edition 2 contiene i seguenti sei pacchetti:

  • Pacchetto sicurezza con una serie di sistemi di assistenza alla guida attivi
  • Pacchetto Comfort con illuminazione ambientale a LED, specchio da barba, frigorifero e molti altri comfort per una vita confortevole
  • Pacchetto guida con volante in pelle, tenda parasole elettrica e altro ancora
  • Pacchetto Sight con, tra l’altro, fari bi-xeno, sensore pioggia e luci posteriori a LED
  • Media Package con sistema audio, supporto per notebook, presa supplementare 12/15 V
  • Extra Line con luci di posizione a LED nella MirrorCam, indicatori a LED e luce di benvenuto

Inoltre, l’Actros Edition 2 comprende anche pacchetti di servizi configurabili individualmente, come il nuovo contratto di assistenza basato sul chilometraggio, nonché soluzioni su misura per leasing e finanziamento.

Rispetto alla sicurezza, l’Actros Edizione 2 è dotata dell’assistente alla frenata d’emergenza Active Brake Assist di quinta generazione (ABA 5), dell’Active Drive Assist opzionale (ADA) per la guida parzialmente automatizzata (livello SAE 2), della MirrorCam di serie che sostituisce gli specchietti principali e grandangolari, nonché dell’Assist Sideguard Assist con rilevamento di pedoni e ciclisti. In combinazione con questi sistemi di assistenza, anche l’ulteriore sviluppo del Predictive Powertrain Control (PPC). 

Insomma, praticamente tutto ciò che la tecnologia ha finora concepito si trova su questo camion.

Redazione
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti