Veicoli - logistica - professione

Home Professione Finanza e mercato Mercato trainati in caduta libera, a gennaio -16,7%

Mercato trainati in caduta libera, a gennaio -16,7%

-

Non accenna a fermarsi il crollo del mercato italiano di rimorchi e semirimorchi, con numeri addirittura peggiori di quelli già negativi dei commerciali leggeri e degli autocarri pesanti.

 

Secondo le rilevazioni dell’Anfia (Associazione nazionale filiera industria automobilistica), a gennaio 2020 sono stati rilasciati 1.160 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti, ovvero con PTT superiore a 3.500 kg (-16,7%), suddivisi in 96 rimorchi (-19,3%) e 1.064 semirimorchi (-16,5%). È un trend che purtroppo conferma un 2019 fallimentare, che aveva visto solo 14.494 libretti di circolazione di nuovi trainati, (-8,1% rispetto al cumulato del 2018), ripartiti in 1.398 rimorchi (-2,9%) e 13.096 semirimorchi (-8,6%).

Secondo l’Associazione su questo calo può aver influito l’andamento della produzione nelle costruzioni che, dopo un primo trimestre 2019 positivo, ha registrato un progressivo rallentamento: «Su base tendenziale – si legge in un comunicato – l’indice della produzione nelle costruzioni, corretto per gli effetti di calendario, è risultato in flessione sia a novembre (-3,4%) che a dicembre (-1,3%)».

In occasione dei lavori del Tavolo Automotive insediato al ministero dello Sviluppo Economico, Anfia ha poi ribadito l’importanza di adottare politiche di sostenibilità nel trasporto merci che garantiscano l’effettiva e rapida diffusione dei veicoli ad alimentazione alternativa e siano accompagnate da strumenti di ottimizzazione della logistica. Su quest’ultimo punto, Anfia ha ricordato gli ottimi risultati ottenuti in termini di sicurezza, manovrabilità e sostenibilità ambientale ed economica dei complessi veicolari allungati di 1,5 m del suo Progetto 18, patrocinato dal ministero dei Trasporti. «L’auspicio – conclude la nota – è che, con la ripresa dell’esame di riforma del codice della strada, sia approvata la modifica all’art. 61 e si consenta la libera circolazione nazionale dei complessi a 18 m».

Redazione
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti