Veicoli - logistica - professione

Home Professione Logistica Parte da Venezia la prima catena logistica per merci deperibili destinate al Nord Europa

Parte da Venezia la prima catena logistica per merci deperibili destinate al Nord Europa

-

È partito dal Porto di Venezia il primo treno pilota del “Fresh Fruit Corridors” che vede impegnata l’Autorità Portuale di Venezia, lo spedizioniere VLS Veneta Lombarda e l’operatore ferroviario Rail Cargo Austria nella realizzazione della prima catena logistica per i container refrigerati e le merci deperibili destinate ai mercati europei.

Un sistema totalmente intermodale – nave e treno – cofinanziato dall’Unione Europea (programma CEF Trasporti) con 10 milioni di euro con l’obiettivo di sperimentare e implementare i servizi di trasporto veloce per i prodotti alimentari freschi provenienti da Israele, Giordania e Palestina e destinati a Rotterdam. «Eravamo abituati a ricevere i treni da Rotterdam ora siamo noi a spedire loro la merce alimentando i mercati europei del Nord Europa da sud così come auspica l’Unione Europea, un successo che ci rende particolarmente orgogliosi» ha affermato Paolo Costa, presidente dell’Autorità Portuale di Venezia.

I primi 30 container refrigerati contenenti patate e provenienti da Israele sono giunti via nave a Venezia e, dopo i controlli fito-sanitari e le formalità doganali di transito, nella stessa giornata sono stati spediti a Rotterdam su un treno a temperatura controllata e monitorata da remoto lungo il tragitto per mantenere inalterata la catena del freddo. L’intera operazione ha richiesto solo 32 ore per il trasferimento da Venezia a Rotterdam, consentendo un risparmio di tempo di oltre 5 giorni rispetto al normale viaggio via nave. «La prima prova di questo progetto pilota è stata soddisfacente, era un test importante e tutto ha funzionato a dovere; in meno di 8 giorni è stato consegnato il prodotto fresco da origine a destino con l’utilizzo dell’intermodalità nave/treno, con il mantenimento costante della catena del freddo ed il monitoraggio costante da remoto per tutto la durata del trasporto – ha commentato Andrea Cosentino, general manager di VLS Veneta Lombarda – Le strutture del Porto di Venezia e tutte la parti coinvolte, sia private che pubbliche, hanno dimostrato di saper organizzare e svolgere in tempi certi un’operazione decisamente complessa ed innovativa, ed a loro va il nostro ringraziamento. Adesso siamo pronti per i prossimi viaggi».

Redazione
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti