Veicoli - logistica - professione

Home Prodotto Allestimenti Tecnokar lancia la TecnoApp. Dalla cabina tutto sotto controllo

Tecnokar lancia la TecnoApp. Dalla cabina tutto sotto controllo

Con la nuova applicazione dell’azienda umbra si possono comandare via tablet fino a 11 funzioni del ribaltabile senza scendere a terra. Per vederla in funzione, appuntamento al Samoter (Verona, 21-25 marzo)

-

Sarà un’app “smart” una delle principali protagoniste della prossima edizione del Samoter di Verona (21-25 marzo 2020). Per la prima volta in Italia, infatti, Tecnokar Trailers, azienda di Spoleto specializzata in semitrailer per trasporto inerti, presenterà TecnokAPP, un’applicazione attraverso la quale è possibile gestire tutta una serie di operazioni del semirimorchio senza mettere piede a terra.

«Con TecnokAPP il trasportatore può operare con il semitrailer restando sempre in cabina – spiega Marco Luzzi, marketing and export department manager di Tecnokar – In termini di produttività, questo significa un forte risparmio sui tempi morti operativi».

Gli elementi del sistema sono una centralina che raccoglie ed elabora i dati, l’app ad essa collegata, un tablet come interfaccia e una stampante mobile. L’operatore si connette con il sistema attraverso il tablet dedicato di qualsiasi marca (ma anche con smartphone), mentre la stampante mobile emette gli scontrini, ad esempio nel caso di consegna dei conglomerati bituminosi. Non c’è bisogno di Internet, perché centralina, tablet e stampante dialogano fra loro attraverso un segnale wifi protetto e chiuso. Le funzioni attivabili mediante TecnokAPP sono ben 11: dal semplice comando della barra paraurti idraulica posteriore fino al monitoraggio della temperatura dei conglomerati bituminosi, passando per il ribaltamento della cassa e il sollevamento dell’asse e del blocco autosterzante e finendo con il comando della sponda posteriore e della copertura elettrica. L’applicazione permette anche di azionare i fari di lavoro e le telecamere. Per chi opera invece con il bitume, sono previste in aggiunta la vibrazione sotto cassa e la funzione di scarico in finitrice. «Nel caso di trasporto dell’asfalto – precisa Luzzi – un nuovo accessorio installato sul pianale delle vasche coibentate permette di registrare la partenza del viaggio, la destinazione e la temperatura di inizio trasporto, che viene poi monitorata per tutto il percorso. All’arrivo in cantiere uno scontrino stampato via bluetooth dichiara la gradazione termica del trasportato». Tutta l’operazione di scarico in finitrice avviene in modo guidato e impostabile sequenzialmente, così da ottimizzare tempo e carburante. «Da un punto di vista della sicurezza – aggiunge Luzzi – TecnokAPP fornisce chiare indicazioni dei limiti di lavoro, individuando per esempio se nel corso del ribaltamento le pendenze trasversali sono o non sono corrette, se l’angolo di ribaltamento è congruente con la posizione effettiva del mezzo, e così via». Inoltre l’interfaccia di funzionamento dell’app è estremamente intuitiva, affidata esclusivamente a simboli grafici e non a scritte. «Altra funzione è quella del monitoraggio dello stato operativo del trailer e della sua localizzazione tramite portale web – sottolinea ancora Luzzi – È inoltre possibile rintracciare il semirimorchio anche se staccato dal trattore, attraverso la centralina (che ha una batteria che dura in stand by 5 mesi), la quale al minimo movimento invia un segnale di allerta».

L’app permette infine di richiedere specifica assistenza alla casa madre in caso di necessità – con la possibilità per quest’ultima di operare da remoto in telemetria – e può essere usata anche con gestionali di proprietà dell’operatore. Utilizzata per ora sui ribaltabili posteriori, TecnokAPP è già adottabile sui ribaltabili laterali e in futuro potrà essere applicata ai portacontainer, «dove l’operatore – conclude Luzzi – è spesso costretto a una serie di manovre complicate per allungare o accorciare il trailer». Al prossimo Samoter la società spoletina, proprietaria anche dei marchi Emilcamion e Adige, porterà, tra l’altro, alcuni semirimorchi con vasche per cava/cantiere e altri allestimenti particolari.

Redazione
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti