Veicoli - logistica - professione

Home Prodotto Allestimenti La flotta globale di tank container aumenta nel 2020 del 5,26%

La flotta globale di tank container aumenta nel 2020 del 5,26%

Da 652mila a 687mila: è questo l'incremento, registrato dalla nona indagine di ITCO, dalla flotta di di tank container su scala mondiale. Dai numeri emerge pure un settore dominato globalmente da un numero relativamente piccolo di grandi operatori: i primi dieci contano oltre 246.000 cisterne, pari a oltre oltre il 55% della flotta complessiva

-

La ITCO, International Tank Container Organisation, ha pubblicato la sua nona indagine annuale sulla flotta di tank container. Il rapporto di quest’anno stima che, al 1° gennaio 2021, la flotta globale di tank container abbia raggiunto le 686.650 unità in tutto il mondo, rispetto alla cifra di 652.350 al 1° gennaio 2020, con una crescita su base annua del 5,26%.

Riflettendo l’incertezza del mercato durante il 2020 – causata soprattutto dalla pandemia – il numero di container cisterna prodotti lo scorso anno è stato inferiore a quello del 2019. Nel 2020 sono stati costruiti un totale di 35.800 container cisterna, rispetto ai 54.650 del 2019, con una diminuzione di circa 18.850 unità rispetto all’anno precedente.

L’indagine mostra come, numericamente, il settore continui a essere dominato a livello globale da un numero relativamente piccolo di grandi operatori di tank container e di società di leasing. I primi 10 operatori contano oltre 246.000 cisterne, che rappresentano oltre il 55% della flotta globale degli operatori, pari a 443.100 unità. Le prime 10 società di leasing rappresentano oltre 250.000 cisterne, circa l’80% della flotta totale di leasing di 316.710 unità. Le prime tre società di leasing rappresentano quasi 159.000 serbatoi, oltre il 50% della flotta totale delle società di leasing.

Commentando i risultati del sondaggio, Reg Lee, presidente della ITCO, sottolinea che «mentre la produzione di container cisterna nel 2020 è stata inferiore a quella dell’anno precedente, negli ultimi mesi ci sono stati chiari segnali di una ripresa degli ordini, facendo prospettare una situazione migliore nel 2021. Le cifre del sondaggio confermano che l’industria dei container cisterna continua ad espandersi, con gli spedizionieri che apprezzano il concetto “Just in Time” che permette loro di aumentare o diminuire il prodotto spedito per soddisfare il modello in continua evoluzione del requisito dei loro clienti e riducendo notevolmente la necessità e i costi di grandi quantità di stoccaggio statico a entrambe le estremità della catena di approvvigionamento dei liquidi. Allo stesso tempo, riconoscono la sicurezza, l’efficienza e i vantaggi operativi di questo tipo di attrezzatura. L’indagine sulla flotta di ITCO fa parte del lavoro che l’organizzazione intraprende, per promuovere il container cisterna e per sostenere i suoi membri».

Redazione
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti