Veicoli - logistica - professione

HomeProfessioneUfficio trafficoSpaventoso incidente camion-furgone sulla Tangenziale di Milano

Spaventoso incidente camion-furgone sulla Tangenziale di Milano

Poco prima delle 17 un camion ha tamponato un furgone e il suo carico di grandi lastre di ferro è scivolato in avanti, tranciando la cabina. L’autista però era nato sotto una buona stella

-

Le immagini che vedete sono state realizzate ieri pomeriggio, tra le 16.30 e le 17, sulla Tangenziale Nord di Milano, in direzione Venezia, tra Sesto San Giovanni e Monza Sant’Alessandro. Partiamo dalle immagini perché sono allucinanti, perché soprattutto spiegano come a volte la prima nemica dell’uomo al volante di un camion sia la merce che trasporta. In questo caso delle lastre di ferro che nell’impatto, forse perché legate in modo non troppo saldo, forse perché comunque molto grandi, al momento dell’impatto sono scivolate in avanti causando ciò che le immagini mostrano in modo inequivocabile: hanno letteralmente tranciato la cabina del camion, staccandola praticamente dal telaio del veicolo.

Ecco, siamo arrivati sin qui senza dire ancora dell’autista del camion. Se fosse deceduto l’avremmo scritto subito. Perché in ogni caso sarebbe diventata la notizia principale. Invece no: quell’uomo di 48 anni che ieri pomeriggio, mentre chiudeva una lunga giornata di lavoro e, per ragioni non meglio precisate, è andato a finire addosso a un furgone che aveva davanti, è vivo e tutto sommato non sta neanche tanto male. È ricoverato all’ospedale San Raffaele dove è entrato con codice giallo (quindi non rosso che presuppone un pericolo di vita, seppure segnala un’allerta per possibili patologie gravi) dopo il trasferimento immediato avvenuto con l’elisoccorso. 

E allora, oltre a plaudire alla buona sorte, va dato merito anche alla prontezza sia del personale sanitario, sia dei vigili del fuoco, all’Aps di Monza, al carro fiamma giunto da Lissone e all’autogru partita da Milano, per essere giunti sul posto in tutta fretta e per aver estratto dalla lamiere l’autista del camion con altrettanta celerità. Anche perché, sarà il caso di ricordarlo, quando ci si trova in quella spiacevole situazione – tra spigolosi pezzi di ferro – i minuti contano eccome.

Due ultime note. La prima, doverosa, riguarda le condizioni dell’altro uomo alla guida, trasportatore pure lui seppure con un mezzo più piccolo: ha 43 anni e ora è ricoverato all’ospedale di Sesto San Giovanni, dove è stato trasferito con codice verde. Quindi sta bene.

La seconda, quasi scontata: il tratto di tangenziale è stato chiuso a lungo creando code chilometriche. E magari facendo saltare l’organizzazione di tanti altri autisti a fine giornata. A loro ricordiamo una banalità consolatoria: è meglio attendere a causa di un incidente, che rimanere coinvolto a qualunque titolo in un incidente.

Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti

close-link