Veicoli - logistica - professione

HomeProdottoMondo leggeroArtusi (Federauto Trucks): «Bene proroga dei termini di consegna dei veicoli, ma Ecobonus sia più accessibile»

Artusi (Federauto Trucks): «Bene proroga dei termini di consegna dei veicoli, ma Ecobonus sia più accessibile»

Il vice presidente di Federauto con delega a Trucks&Van esprime soddisfazione per l’entrata in vigore della norma in materia di termini del procedimento di prenotazione degli incentivi, contenuta nel decreto Semplificazioni. Allo stesso tempo viene auspicata, però, l'introduzione di correttivi necessari a rendere il provvedimento più aderente alle dinamiche del mercato

-

Federauto plaude alla proroga di tre mesi per le consegne dei veicoli commerciali di peso pari o inferiore a 3,5 tonnellate (oltre alle autovetture) incentivate con Ecobonus 2021-2022, inserita dal Governo nel nuovo Decreto Semplificazioni. Per Massimo Artusi, vice presidente di Federauto con delega a Trucks&Van, si tratta di un «un segno di sensibilità da parte del Ministero dello Sviluppo economico e di tutto il Governo nei confronti delle oggettive difficoltà di produzione e distribuzione dei veicoli nuovi in questa fase di carenza di disponibilità di semiconduttori e materie prime».

Artusi sottolinea però come adesso la stessa attenzione vada incanalata anche nei confronti della funzionalità dell’Ecobonus per i veicoli commerciali attualmente in vigore, che non starebbe incontrando il favore degli operatori. «Ci auguriamo perciò – ha commentato Artusi – che, continuando su questa strada, il MISE intervenga al più presto per sanare questa criticità, introducendo i correttivi necessari a rendere il provvedimento più aderente alle dinamiche del mercato e favorire più efficacemente le PMI attraverso l’apertura a tutte le formule di acquisto/possesso utilizzate dagli operatori già con l’Ecobonus 2021, evitando così che le risorse stanziate per favorire l’immissione di veicoli commerciali elettrici vadano disperse verso altre destinazioni e che l’obiettivo di ridurre l’impronta di carbonio del parco veicoli commerciali venga vanificato».

Redazione
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti

close-link