Veicoli - logistica - professione

HomeProdottoMondo leggeroGli incentivi spingono il mercato dei veicoli commerciali che a febbraio registrano un +10%

Gli incentivi spingono il mercato dei veicoli commerciali che a febbraio registrano un +10%

Ma il fondo è già esaurito, Unrae chiede un rifinanziamento

-

Uno spiraglio si sole si apre sul mercato dei veicoli commerciali nel mese di febbraio chiudendo con un rotondo +10%, grazie ai 16.020 veicoli immatricolati rispetto ai 14.568 del febbraio 2020. Secondo le stime del Centro Studi e Statistiche Unrae il bimestre è in linea con lo stesso periodo di un anno fa (+0,4% con 27.930 veicoli immatricolati).

«Oltre al confronto con un febbraio 2020 già in contrazione per la stagnazione economica e i primi effetti della pandemia, i risultati del mese appena concluso beneficiano anche degli acquisti effettuati con incentivo, grazie al Fondo introdotto dalla Legge di Bilancio, che è andato esaurito nel giro di pochissimi giorni» commenta Michele Crisci, presidente Unrae che prosegue aggiungendo come la problematica ambientale nelle città risenta della circolazione di un parco veicolare vecchio, composto per quasi la metà da veicoli commerciali con oltre 15 anni di vita come associazione «continuiamo a ribadire l’assoluta urgenza di un rifinanziamento del Fondo per accelerare un processo di rinnovo che altrimenti impiegherebbe 25 anni per sostituire interamente il circolante, con impatti pericolosi su sicurezza e salute dei cittadini, oltre ai danni economici per l’Erario».

La contrazione delle immatricolazioni di veicoli commerciali nello scorso anno è stata del 15% complessivo «ci ha riportato indietro di 5 anni. Gli incentivi governativi, e un loro rifinanziamento in ottica più strutturale, avranno un ruolo determinante per la ripresa del comparto» conclude Crisci.

Redazione
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti

close-link