Veicoli - logistica - professione

HomeProdottoMondo pesanteNord Engineering apre la flotta a un Volvo FE Electric da impiegare nella raccolta rifiuti

Nord Engineering apre la flotta a un Volvo FE Electric da impiegare nella raccolta rifiuti

L'azienda della provincia di Cuneo, che ha brevettato un ingegnoso ed ecologico sistema di raccolta automatizzato, ha deciso di accoppiarlo con un veicolo altrettanto green con potenza fino a 540 CV, MTT da 27 ton e dotato di quattro pacchi batteria ognuna da 66 kWh

-

Il primo veicolo, qualunque sia, non si scorda mai. E così c’è da scommettere che tra qualche decennio, quando magari la mobilità stradale sarà completamente rivoluzionata e azzerata rispetto alle emissioni inquinanti, in Nord Engineering – un’azienda del cuneese attiva da oltre vent’anni nel settore dello smart waste management – si ricorderanno di quel primo camion elettrico che acquistarono in quel lontano 2021, quando l’Italia e l’Europa, mentre rialzavano la testa dalla pandemia, si preoccupavano finalmente in modo concreto di ripartire con un piede più verde. Quel veicolo è, appunto, verde acqua, vale a dire con quella tipica livrea con cui Volto Trucks ha deciso di “vestire” i propri mezzi con la spina. Si tratta, per la precisione, di un Volvo FE 6×2 Electric allestito con sistema di raccolta Easy, anche questa una soluzione automatizzata molto ingegnosa ed ecologica per gestire i rifiuti urbani. Cosa fa di speciale questo sistema ideato e brevettato dalla stessa società?
«È un sistema automatizzato di raccolta dei rifiuti unico al mondo – risponde Andrea Fissore, Responsabile Marketing di Nord Engineering – che comprende sia il mezzo allestito che i contenitori della raccolta». In pratica, tramite un joystick e senza dover scendere dalla cabina, un solo operatore aziona l’attrezzatura che è in grado di agganciare, svuotare e riposizionare il contenitore in modo automatico. L’aggancio è dall’alto, lo scarico dal basso: in questo modo tutto si svolge velocemente e in sicurezza. Attraverso il cloud, i contenitori comunicano con i mezzi e la centrale per essere svuotati quando sono quasi colmi. Inoltre, tramite una card o app specifica, riconoscono l’utente domestico o commerciale e possono adattare l’apertura della bocca alla quantità di rifiuti, per agevolare il conferimento. Ecco perché – continua Fissore – Easy «è stato scelto da municipalità e aziende di oltre 20 paesi del mondo, dall’America a Dubai, che hanno riconosciuto la nostra capacità di sviluppare tecnologie di raccolta smart, sicure ed efficienti».
Fin qui l’ottimizzazione del lavoro. Ma il sistema, come detto, è anche green, in quanto utilizza contenitori in acciaio 100% riciclabile che possono essere fuori terra oppure semi interrati o interrati, per raggiungere importanti capienze senza compromettere l’arredo urbano e anzi integrandosi perfettamente in qualsiasi contesto. Ora, per esaltarne ancora di più quest’anima è stato accoppiato con un veicolo completamente elettrico. A far accendere la scintilla in tal senso – continua Tessori – è stato «un cliente che ha mostrato questa esigenza per una commessa specifica, chiedendoci un mezzo a basso impatto ambientale e con la minima rumorosità». Così «abbiamo colto la palla al balzo», scegliendo in particolare «Volvo Trucks perché condivide la nostra stessa sensibilità verso l’ambiente, l’evoluzione continua è una costante della sua storia ed i suoi mezzi elettrici, disponibili da subito, sono un passo avanti in termini di tecnologia. Abbiamo trovato un’ottima collaborazione e un supporto importante, anche tecnico. Il veicolo è arrivato in azienda ed è pronto per essere allestito con il nostro sistema». Per la precisione il Volvo FE Electric 6×2 (a tre assi) con potenza fino a 540 CV sarà allestito con compattatore fisso telaio e impiegato in contesti urbani. L’allestimento prenderà l’energia necessaria al suo funzionamento direttamente dal motore elettrico, senza dover adottare modifiche o adeguamenti. Il veicolo dispone di massa totale a terra di 27 ton ed è dotato di quattro pacchi batterie ognuna da 66 kWh. Gli allestitori possono sfruttare la presa di forza dedicata EPTO con totale flessibilità d’impiego.
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti

close-link