Veicoli - logistica - professione

Home Professione Leggi e politica Certificati e licenze di guida: la Commissione UE propone uno slittamento di altri sette mesi

Certificati e licenze di guida: la Commissione UE propone uno slittamento di altri sette mesi

Certificati di qualificazione conducenti, patenti di guida, tachigrafi soggetti a ispezione, revisioni, attestati conducenti: tutti documenti che secondo la proposta di regolamento allungherebbero la loro validità di altri sette mesi. Il plauso dell'UETR

-

Una proroga tira l’altra… La Commissione Europea ha proposto di estendere la validità di alcuni certificati e licenze relative al trasporto su strada. Per la precisione i contenuti di tale slittamento di sette mesi includono:

i certificati di qualificazione dei conducenti, e in particolare quelli che scadono tra il 1° settembre 2020 e il 30 aprile 2021 si prorogate per un periodo di sette mesi in ciascun caso (CPC, ADR, codice 95).

– le patente di guida che, in conformità a tali disposizioni, scadranno tra il 1° settembre 2020 e il 30 aprile 2021, si considerano prorogate per un periodo di sette mesi dalla data di scadenza indicata in ciascuna patente.

– per tachigrafi soggetti a ispezione, quelle regolari avrebbero dovuto essere effettuate tra il 1° settembre 2020 e il 30 aprile 2021 e a questo punto dovrebbero essere effettuate entro sette mesi dalla data in cui si sarebbero dovute svolgere.

– i controlli tecnici (revisioni), che avrebbero dovuto essere effettuati tra il 1 ° settembre 2020 e il 30 aprile 2021, e vanno avanti di sette mesi.

licenze comunitarie e attestati di conducenti, la validità dei documenti che sarebbero altrimenti scaduti tra il 1° settembre 2020 e il 30 aprile 2021 che si considerano prorogate per sette mesi.

Questo proposta assumerà la forma di un regolamento, che sarà adottato dagli Stati membri e direttamente applicabile. Pertanto non richiederà il recepimento nel diritto nazionale.

UETR accoglie con favore questa ulteriore proroga. «È una mossa molto positiva», ha detto il presidente dell’UETR Julio Villaescusa. «Con il perdurare della crisi COVID-19, un sostegno coordinato dell’Unione Europea è più che mai fondamentale. La crisi ha colpito duramente le piccole imprese europee. Si tratta di misure concrete che affrontano i problemi pratici incontrati dai nostri autotrasportatori. L’estensione dei certificati professionali e delle licenze è fondamentale per consentire agli operatori di continuare a consegnare le merci” ha aggiunto». A questo punto, auspica l’UETR, è necessario adottare il regolamento con la massima urgenza.

Redazione
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti