Veicoli - logistica - professione

HomeProfessioneUfficio trafficoBari: autista sequestrato e rapinato di camion e merce

Bari: autista sequestrato e rapinato di camion e merce

Spuntavano le prime luci dell'alba quando un autista di un camion è stato affiancato da un'auto e costretto a lasciare la guida del mezzo sotto la minaccia di un'arma. E lì ha trascorso l'ora e mezza più lunga della sua vita. Anche se per fortuna alla fine è spuntato quasi inaspettatamente il lieto fine

-

Un vero e proprio assalto a mano armata: non si può definire altrimenti quello che ha subìto ieri mattina, intorno alle 5, uno sventurato autista di camion nella zona tra l’aeroporto di Bari e il quartiere San Paolo. Per il conducente è stata l’ora e mezza più lunga della sua vita.

Alle prime luci dell’alba l’uomo alla guida del suo mezzo si accingeva a consegnare un carico di bevande, compresi liquori. A un certo punto si accorge di essere affiancato da una vettura grigia con a bordo tre persone che gli intimano di accostare il camion. Appena si ferma, lo costringono a lasciare la guida del camion usando – per così dire – un argomento molto convincente: puntandogli una pistola in volto. L’autista ha preso atto della situazione, è sceso dalla cabina e al volante del camion si è messo uno dei tre malviventi. Mentre il veicolo carico di bevande si dileguava, il suo autista veniva incappucciato, fatto salire sulla vettura grigia e, dopo un’ora e mezza di sequestro, abbandonato nelle campagne di Noicattaro, in provincia di Bari.

L’uomo, per fortuna rimasto illeso, è riuscito a lanciare l’allarme dopo aver raggiungo la più vicina caserma dei carabinieri. Dopo la denuncia sono immediatamente scattate le ricerche del mezzo. Operazione facilitata dal GPS installato sul mezzo: seguendone le tracce, infatti, la squadra mobile di Bari è riuscita a individuarlo seppure a quel punto era completamente svuotato del carico.

Senonché, una volta archiviata la paura per quanto accaduto, si apriva un altro capitolo complicato, perché in molti casi i vettori vengono condannati a risarcire il carico anche in caso di rapina, in quanto non sempre la sottrazione della merce in modo violento viene ritenuta una causa liberatoria della responsabilità, ma soltanto quando le circostanze di tempo e di luogo rendono la sottrazione stessa imprevedibile e inevitabile. Perché soltanto a quel punto diventa un caso fortuito. Ma la valutazione dell’imprevedibilità può diventare complessa e soprattutto va fatta tenendo conto della diligenza professionale del vettore. Se cioè questo, proprio in virtù del mestiere che fa poteva prevedere che qualcuno in quel luogo avrebbe potuto avere appetiti rispetto a quel carico, si sarebbe dovuto organizzare per evitarlo. Lo diciamo genericamente, ma comunque la giurisprudenza italiana è piena di trasportatori chiamati a risarcire al proprietario della merce i danni derivanti dalla sua sottrazione avvenuta tramite rapina.

Per fortuna, però, almeno in questo caso tutto è finito per il meglio, perché il carico trafugato dal camion è stato rinvenuto alcune ore dopo in un capannone della zona. Dei tre malviventi, invece, è scomparsa ogni traccia.

Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti

close-link