Veicoli - logistica - professione

Anche io volevo il camion

Carla Arzenton, autista di veicoli pesanti. Se la forza è donna

È un rischio che si corre: descrivere le donne che varcano la soglia del trasporto come esseri delicati, da tutelare e proteggere. Carla è tutt’altro: in più di vent’anni di carriera in questo mondo ha guidato di tutto, dalle motrici ai bilici, dai trasporti eccezionali ai frigo, per l’Italia e per l’Europa. E oggi è atterrata in cava, dove il machismo incontra il nonnismo e lo sfruttamento. Un cocktail che troncherebbe le gambe a tanti. Ma non a lei

Arriva il lieto fine per Laura Mihaes: dopo la delusione giunge la rivincita tramite un nuovo lavoro da autista

L’avevamo lasciata un paio di mesi fa in balia di un futuro incerto, la ritroviamo oggi più fiduciosa nel futuro, grazie al nuovo impiego.

Cristina Rossi, AD di Alaska Trasporti: Logistica, un mestiere spontaneamente femminile

«Il Covid ci ha profondamente toccato, ci ha costretto a lavorare per mesi da casa 15 ore al giorno e ha modificato...

Karen Reddington alla guida di FedEx Express Europe

Giro di poltrone per FedEx in Europa dove, dal 1 giugno 2020 Karen Reddington succede a Bert Nappier ricoprendo il ruolo...

Laura Mihaes: «Dalla passione alla delusione»

Coltiva da bambina, guardando il padre autista, il sogno di guidare camion. Ma la vita la porta altrove. Otto anni dopo, con un matrimonio alle spalle e un figlio da crescere, Laura prende le patenti e diventa camionista. Agli inizi di maggio un po’ gli insulti di colleghi, un po’ il taglio della retribuzione la costringono a fare un passo indietro. Sperando sia momentaneo

Per il post Covid le donne saranno l’arma vincente

E se dopo tanta sofferenza, dopo che il mondo è rimasto inesorabilmente bloccato a guardare la più grande pandemia dal Dopoguerra, la rinascita...

Chiara Belleggia. «Donna al volante? Pregiudizio costante»

Tanta passione e un pizzico di follia. Mettersi in gioco, salire sul camion a...

Silvia Cester. «Paura, solitudine e tanta voglia di normalità»

Quaranta, due, tre, uno. È la versione numerica della vita di Silvia Cester, «veneziana di terra ferma», come ama definirsi: alle...

close-link