Veicoli - logistica - professione

HomeProdottoMondo pesanteWireless interrato per la ricarica dei veicoli elettrici: sulla BreBeMi va in onda il futuro

Wireless interrato per la ricarica dei veicoli elettrici: sulla BreBeMi va in onda il futuro

L'Autostrada A35 Brebemi-Aleatica, ABB, Electreon, FIAMM Energy Technology, IVECO, IVECO Bus, Mapei, Pizzarotti, Politecnico di Milano, Prysmian, Stellantis, TIM, Università Roma Tre e Università di Parma hanno annunciato l’avvio di una collaborazione finalizzata a creare le condizioni per lo sviluppo di un innovativo sistema di mobilità delle persone e delle merci a zero emissioni. Si parla di corridoi autostradali in cui i veicoli elettrici potranno ricaricarsi, mentre sono in movimento, attraverso un sistema di ricarica induttiva

-

Si chiamerà «Area del Futuro» il nuovo progetto annunciato da Autostrada A35 Brebemi-Aleatica finalizzato a studiare e a sperimentare un metodo di ricarica dei veicoli elettrici attraverso un sistema wireless interrato. Questo sistema, definito anche Dynamic Wireless Power Transfer, utilizza la tecnologia induttiva per la ricarica dinamica dei veicoli elettrici (compresi camion e bus).

Parliamo di una ricarica wireless, quindi senza contatto, che prevede l’inserimento a circa 8 centimetri nell’asfalto di piastre di rame per la ricarica a induzione che si attiveranno e ricaricheranno il veicolo nel momento in cui le piastre di cui il veicolo sarà dotato entreranno in contatto con quelle al di sotto dell’asfalto. Ma soprattutto parliamo di corridoi autostradali in cui i veicoli potranno ricaricarsi direttamente in movimento, ottimizzando così i tempi di attesa delle tradizionali colonnine di ricarica.

Partner del progetto sono diverse società, ognuno chiamata a fornire il proprio contributo in relazione alle proprie competenze: ABB, Electreon, FIAMM Energy Technology, IVECO, IVECO Bus, Mapei, Pizzarotti, Politecnico di Milano, Prysmian, Stellantis, TIM, Università Roma Tre e Università di Parma

Il progetto si articola in almeno quattro azioni e in particolare contempla:

  • la costruzione di un anello di asfalto di 1.050 metri alimentato con una potenza elettrica di 1MW, situato in un’area privata dell’autostrada A35 in prossimità dell’uscita Chiari Ovest
  • l’applicazione della tecnologia “Dynamic Wireless Power Transfer” a diverse gamme di veicoli elettrici in ambiente statico e dinamico
  • la connettività avanzata mediante tecnologie 5G e IoT (Internet of Things) per garantire la massima sicurezza stradale e ottimizzare la produttività dei veicoli commerciali
  • l’ottimizzazione della pavimentazione stradale al fine di renderla più durevole e non alterare l’efficienza della carica induttiva.
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti

close-link