Veicoli - logistica - professione

HomeProfessioneFinanza e mercatoIl caro-gas impatta anche sui veicoli diesel: riserve di AdBlue a rischio

Il caro-gas impatta anche sui veicoli diesel: riserve di AdBlue a rischio

L'impennata dei prezzi del metano, che ha raggiunto i massimi storici in queste ultime settimane, ha delle ripercussioni anche sui veicoli diesel. Il metano serve infatti per produrre l'ammoniaca, che è una materia prima indispensabile per l’AdBlue, ovvero l'additivo indispensabile per abbattere le emissioni nei moderni diesel. Yara, azienda che produce AdBlue, lancia l’allarme sulla carenza di forniture in Italia

-

L’aumento dei prezzi del gas ha delle ripercussioni non solo sugli autotrasportatori che utilizzano un veicolo a metano compresso o liquido, ma anche su quelli che guidano diesel.

Il motivo? Il metano serve per produrre l’ammoniaca, che è la componente principale alla base dell’AdBlue, ovvero l’additivo indispensabile per abbattere le emissioni nei moderni diesel. Di conseguenza – è facile intuirlo – l’aumento dei costi del gas non può che portare anche ad un aumento del costo dell’AdBlue. Il Corriere racconta infatti che l’aumento del prezzo del metano ha costretto la Yara, azienda con sede a Ferrara e principale produttore di AdBlue, ad aumentarne il prezzo. Un supplemento che potrebbe essere riassorbito solo se il costo del metano diminuirà.

Tra l’altro la stessa Yara ha annunciato – come riporta invece il magazine La Nuova Ferrara – lo stop alla produzione di AdBlue per quattro settimane proprio per via delle difficoltà legate all’impennata dei costi del metano.

«Ferrara produce il 60% del mercato, se dovessimo avere un fermo lungo, il sistema italiano non sarebbe in grado di fornire questo prodotto fondamentale per abbattere le emissioni di ossido di azoto», ha dichiarato a RadioRai Francesco Caterini, rappresentante legale di Yara Italia. «Stiamo producendo in perdita, ma non è un problema di Yara Ferrara, è un problema di tutti i produttori di ammoniaca in Europa che lavorano con il gas naturale».

Questa situazione rischia di mandare in tilt in particolare il trasporto commerciale, che risentirà della carenza di forniture di AdBlue. Ricordiamo infatti che i sistemi di alimentazione dei moderni mezzi leggeri e pesanti a gasolio (dall’Euro V in su) non possono funzionare correttamente senza l’additivo AdBlue. Se l’AdBlue si esaurisce, infatti, il motore non può avviarsi. A meno che non si utilizzano degli «emulatori» che illudono la centralina sul livello di additivo, ma si tratta di sistemi che rendono i veicoli fuori legge (ne abbiamo parlato in un episodio del nostro videocast K44 Risponde).

Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti

close-link