Veicoli - logistica - professione

HomeProfessioneUfficio trafficoEffettuava trasporti internazionali in tutta l’UE con documenti falsi: denunciato autista

Effettuava trasporti internazionali in tutta l’UE con documenti falsi: denunciato autista

Fermato dalla polizia stradale sulla A28 mentre si recava a ritirare merce presso una nota azienda del pordenonese, l'autista straniero si è mostrato particolarmente nervoso. Il perché è apparso evidente quando gli agenti hanno controllato la CEMT con lampade UV e ne hanno appurato la falsità. Subito è scattata la denuncia penale e una sanzione di 4.130 euro

-

Si dice che il marcio comincia dalla radice. Traslato nei trasporti, che si svolgono in un territorio, questo modo di dire diventa: «Il marcio inizia dal confine». In effetti è in quell’area che si scovano situazioni di illegalità più o meno inimmaginabili. Esempio lampante quanto avvenuto nei giorni scorsi lungo la A28 Portogruaro-Conegliano, dove gli agenti della polizia stradale, durante consueti controlli, hanno scoperto un autista straniero che trasportava merci in tutta Europa con documenti falsi. Anzi, per dirla ancora più chiaramente, lo hanno pizzicato proprio mentre si stava recando da una nota azienda di elettrodomestici del pordenonese per ritirare della merce.

A destare curiosità è stata la maniera con cui l’illecito è stato rinvenuto, vale a dire non tanto per evidenze di fatto, quanto per deficit caratteriale dell’autista, apparso subito particolarmente nervoso dal momento successivo a quello in cui ha visto alzarsi la paletta della polizia all’uscita del casello di Porcia. È stata quindi la sua irrequietezza a destare i sospetti degli agenti e a indurli a effettuare indagini più accurate. Talmente accurate che quando sono arrivati a verificare la documentazione di accompagnamento al trasporto, e in particolare l’autorizzazione al trasporto internazionale (la CEMT), ne hanno percepito l’anomalia. Così gli agenti hanno tirato fuori le lampade UV con cui si sono resi immediatamente conto che il documento in questione era falso. E siccome il falso in atti o documentale (in questo caso peraltro parliamo di documenti pubblici) è un reato penale, per l’autista è subito scattata la denuncia all’autorità giudiziaria e contestualmente gli agenti gli hanno consegnato una pesante sanzione amministrativa da 4.130 euro. A quel punto è anche scattata la sanzione accessoria del fermo amministrativo del mezzo per 90 giorni.

Ricordiamo che nel caso in cui un autotrasportatore, in possesso di autorizzazioni multilaterali CEMT, ha commesso delle infrazioni ripetute o ha falsificato un documento relativo all’utilizzazione delle autorizzazioni CEMT, non potrà più beneficiare di autorizzazioni CEMT per almeno due anni. Anche pochi…

Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti

close-link