Veicoli - logistica - professione

Home Professione Ufficio traffico Germania distingue in tre aree di rischio la provenienza degli autisti

Germania distingue in tre aree di rischio la provenienza degli autisti

Nuove linee guida dettate dalla Germania per l'ingresso degli autisti provenienti da altri Paesi europei. Vengono individuate tre aree di rischio e specificati gli adempimenti da effettuare prima dell'ingresso

-

Gli autisti provenienti dall’Italia, ma non dal Tirolo, che si dirigono verso la Germania vengono esentati dall’obbligo di registrazione elettronica prima di entrare in territorio tedesco e dall’onere di sottoporsi a un test Covid-19, perché l’Italia è stata classificata zona a rischio standard per la diffusione della pandemia.

La Germania continua la sua attività di contenimento della pandemia e nel farlo ha deciso di distinguere in tre aree di rischio la provenienza degli autisti:

  • Aree a rischio standard, quali l’Italia, dove vi è un’esenzione per gli autisti sia dall’obbligo di registrazione elettronica sul sito https://www.einreiseanmeldung.de sia dall’onere di sottoporsi al test Covid-19.
  • Aree ad alta incidenza, dove gli autisti sono esonerati dal fare il test e di fornire prove – ma non dall’obbligo di registrarsi – qualora il soggiorno non superi le 72 ore. Per soggiorni superiori alle 72 ore vi è l’obbligo di eseguire il test anti-Covid prima dell’ingresso in Germania, effettuato da non più di 48 ore.
  • Aree con varianti di virus, in questo caso gli autisti che si dirigono verso il territorio tedesco dovranno obbligatoriamente registrarsi sul sito https://www.einreiseanmeldung.de prima di entrare e sottoporsi a un test Covid-19 risultato negativo. Tra questi paesi si annoverano per esempio l’Austria, in particolare la regione del Tirolo, ad eccezione del distretto politico di Lienz (Tirolo orientale), del comune di Jungholz e la valle del Riss nel comune di Vomp e Eben am Achensee; il Portogallo; la Repubblica Ceca e la Repubblica Slovacca; il Regno Unito e l’Irlanda del Nord.

Ricapitolando:

Gli autisti che, nei 10 giorni precedenti all’ingresso in Germania, siano passati da una zona ad alta incidenza o da una zona con variante di virus (quale è stata classificata quella del Tirolo) saranno soggetti all’obbligo di registrazione sul sito  www.einreiseanmeldung.de oltre che all’obbligo di sottoporsi al test anti-Covid se provenienti da paesi con varianti di virus.

Per qualsiasi dubbio sono state aggiornate le FAQ sugli obblighi previsti: https://www.bundesgesundheitsministerium.de/coronavirus-infos-reisende/faq-tests-einreisende.html

Redazione
Redazione
La redazione di Uomini e Trasporti