Veicoli - logistica - professione

La strada in salita dei camion elettrici in Europa: i dealer chiedono una transizione tecnologicamente neutra e plurale

L’appello arriva da AECDR, l’associazione che riunisce i concessionari europei che, ospitata da Federauto, ha presentato il Memorandum per le istituzioni europee che usciranno dalle urne. In primis: rivedere il regolamento per le emissioni e concedere condizioni realistiche per auto e mezzi pesanti

Transpotec, un punto di riferimento per autotrasporto e logistica

Oltre 33 mila operatori hanno visitato Transpotec e la contemporanea NME tra anteprime nazionali e dibattiti su temi chiave di sviluppo quali transizione energetica, digitalizzazione e carenza di personale

Il futuro della gestione flotte secondo Sipli Fleet

Con otto premi in quattro anni, Sipli Fleet è diventata la azienda di gestione flotte più premiata in Italia. In questo episodio di K44 Tecno, registrato in occasione del Transpotec di Milano, il CEO Emanuele Cefalo ripercorre tutti gli importanti riconoscimenti ottenuti dall’azienda campana negli ultimi anni, illustrando chi è Sipli Fleet, da dove arriva e dove vuole arrivare e, soprattutto, la sua visione per il futuro, sempre più focalizzata sul migliorare l'efficienza nella gestione delle flotte, sulla transizione digitale con tecnologie all'avanguardia e sull'ottimizzazione delle risorse con modelli di analisi evoluti

Io, camion in pensione

Fermarsi e riposare non è male. Però – lo ammetto – l’idea di dover fermare i miei otto cilindri e tutti quei cavalli sempre...

«Il rinnovo della CQC lo deve pagare il datore di lavoro»

Il Tribunale di Chieti decide di far rimborsare come straordinario le spese sostenute dagli autisti per il rinnovo della Carta di qualificazione conducente all’azienda datrice di lavoro. Una decisione adottata nei confronti di un'azienda di trasporto persone ma che per analogia potrebbe estendersi anche alla certificazione richiesta per gli autotrasportatori merci

La strada pericolosa causa un incidente? Il gestore è responsabile

Il Tribunale di Reggio Emilia ha sancito che nel caso in cui un sinistro sia stato provocato dalle condizioni stradali fuori norma – come nel caso in esame un dislivello tra il piano campagna e la sottostante banchina – la responsabilità è imputabile al proprietario del tratto stradale incriminato, anche se il conducente ha tenuto una condotta imprudente e illegittima (eccesso di velocità)

close-link