Veicoli - logistica - professione

Home UeT Blog

UeT Blog

I diversi modi per combattere la stanchezza alla guida | K44 PODCAST

La Cassazione di recente ha ritenuto che qualche pausa caffè di troppo e non autorizzata dal datore di lavoro se serve per...

Stress da rientro: ecco come ridurne gli effetti

Di rado se ne sente parlare, ma è un fenomeno che colpisce diverse persone (secondo l’Istat, 1 su 10) al rientro dalle...

Sondaggio. Gli autisti e le ferie: dove, come e quando?

Diciamolo subito: la maggior parte delle persone che ha risposto al sondaggio, quest’anno ha preferito trascorrere le vacanze con la propria famiglia nella propria dimora concedendosi qualche gita fuori porta. E sono stati contenti perché in diversi di ferie hanno soltanto sentito parlare. Tra chi invece è riuscito a partire la stragrande maggioranza è rimasto in Italia

La vacanza: quali benefici per mente e corpo

Il 2020 è senz’altro un anno particolare per quello che riguarda il tema “vacanze”: il Covid-19 ha...

MIT e INAIL firmano accordo per una maggiore sicurezza nell’autotrasporto

La ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli e il presidente dell’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, Franco Bettoni, hanno sottoscritto un protocollo d’intesa di durata triennale per la salute e la sicurezza nell’autotrasporto. L’accordo prevede l’attuazione di attività congiunte di informazione e di formazione volte a migliorare la prevenzione tra gli operatori del settore. A tale scopo è stato coinvolto anche l’Albo nazionale degli Autotrasportatori che opererà congiuntamente a Inail.

Logiche confederali

Se qualcuno intende semplificare il Paese, di certo non si complica la vita con l’autotrasporto. Con un filo di ironia, potrebbe essere questa la riflessione che ha ispirato la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, quando non ha insistito per fare posto nel decreto Semplificazioni alle norme che eppure aveva promesso al trasporto merci su strada. D’altra parte, la stessa ministra, già in passato, aveva fatto intendere che quando le parti sociali si dimostrano litigiose, lei in qualche modo fa un passo indietro.